• Abbonati
Casco celebrativo

Airoh, casco in foglia d’oro alla carriera di Tony Cairoli

Antonio Cairoli ha contribuito infatti a scrivere una parte importantissima della storia del motociclismo, ma anche della storia di Airoh

Bergamo. A conclusione del GP della Città di Mantova MXGP e MX2 sull’omonimo tracciato, diciottesimo e ultimo appuntamento del Mondiale Motocross 2021, che ha visto Jeffrey Herlings aggiudicarsi la vittoria del campionato e Tony Cairoli disputare l’ultima gara mondiale della sua brillante e gloriosa carriera, Airoh ha deciso di omaggiare entrambi gli Airohriders con un casco celebrativo. Due modelli unici dell’iconico Aviator 3, un casco d’oro alla carriera per la leggenda italiana di questa disciplina.

Antonio Cairoli ha contribuito infatti a scrivere una parte importantissima della storia del motociclismo, ma anche della storia di Airoh. Un sodalizio ventennale quello tra il pluricampione
mondiale e il brand, che dopo aver accompagnato il pilota nella sua ultima gara con il modello speciale “TC222 the legend” – con la bandiera dell’Italia, le date del suo palmares e il suo colore
preferito, il giallo fluo – ha deciso di celebrarlo anche con un casco in foglia d’oro interamente realizzato a mano.

Un vero e proprio trofeo, che richiama nella grafica il design dei caschi indossati da Cairoli in questi anni e riporta sulla calotta alcuni riferimenti alle tappe più importanti e significative della sua incredibile ascesa. Gli interni di questo prezioso modello sono stati cuciti, assemblati e ricamati rigorosamente a mano, per renderlo ancora più speciale. Un Aviator 3 davvero straordinario, per un pilota del tutto fuori dell’ordinario, che sarà esposto al pubblico durante Eicma 2021, nello stand di Airoh (padiglione 13, stand N72).

Airoh

Bordi verniciati e laserati e cromatura dorata impreziosiscono anche il casco celebrativo del 2021 World Champion: Jeffrey Herlings, che ha raggiunto ieri il suo quinto titolo iridato in uno dei
campionati più combattuti e avvincenti di sempre. Creato per il pilota olandese, soprannominato “The bullet”, un guerriero che si è sempre difeso, che ha costantemente stretto i denti ed accelerato, pronto a raggiungere il suo obiettivo, senza farsi fermare dai numerosi ostacoli incontrati durante il campionato.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI