Quantcast
Infiltrazioni di acido ialuronico: “Un’opportunità nel trattamento delle artrosi” - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Salute

L'intervista

Infiltrazioni di acido ialuronico: “Un’opportunità nel trattamento delle artrosi”

Ne parliamo con il dottor Davide Molisani, ortopedico di Smart Clinic

L’acido ialuronico? Non serve solo per attenuare le rughe. È utile anche per contrastare il dolore causato dall’artrosi, malattia dovuta all’usura delle articolazioni che colpisce 4 milioni di italiani. Questa sostanza, infatti, è sempre più utilizzata in ambito ortopedico sotto forma di infiltrazioni. Ma come agiscono? E dopo quanto si sentono i benefici? Ne parliamo con il dottor Davide Molisani, ortopedico di Smart Clinic, struttura sanitaria del Gruppo San Donato all’interno de “Le Due Torri” e di Oriocenter, e del responsabile dell’Unità di Ortopedia e Traumatologia del Policlinico San Marco.

Dottor Molisani, a cosa servono le infiltrazioni articolari?

Le infiltrazioni articolari – procedure mediche che consistono nell’iniezione di un determinato farmaco all’interno di un’articolazione – rappresentano uno dei possibili approcci al trattamento delle patologie artrosiche nei casi di condropatia (ndr. erosione della cartilagine che altera il normale funzionamento delle articolazioni) o iniziale artrosi articolare, ma anche nei casi di artrosi avanzata soprattutto quando l’intervento chirurgico risulti controindicato. Sebbene le infiltrazioni non curino l’artrosi, rappresentano un’importante opportunità terapeutica che – in associazione a terapie fisioterapiche, strumentali (come le onde d’urto, la Tecarterapia, gli ultrasuoni etc.) e farmacologiche per via orale – può portare a una diminuzione dei sintomi come difficoltà di movimento, gonfiore, rigidità articolare e dolore.

Ma questo tipo di terapia si può applicare a qualsiasi articolazione?

Le articolazioni per le quali si ricorre più spesso a questo tipo di terapia sono il ginocchio e la spalla. Negli ultimi anni, però, anche l’articolazione dell’anca (con assistenza ecografica) ha trovato spazio. Anche articolazioni minori (polso, caviglia, articolazione trapezio-matacarpale nel caso di rizo-artrosi) hanno delle indicazioni, seppur limitate, alla terapia infiltrativa.

Quali vantaggi offre rispetto ad altri trattamenti?

L’infiltrazione articolare garantisce l’arrivo del farmaco direttamente dove serve, limitando così la sua dispersione nell’organismo, cosa che invece succede quando si assumono farmaci per via orale, e riducendo gli effetti collaterali.

Quali sostanze vengono iniettate in genere?

Esistono due principali categorie di farmaci: l’acido ialuronico e un farmaco a base di cortisone spesso associato a un anestetico locale. La scelta del tipo di farmaco viene valutata dallo specialista in base all’età del pazienta, al grado di artrosi, alle richieste funzionali e all’articolazione interessata. In linea generale, l’infiltrazione con cortisone è indicata in pazienti più anziani, in articolazioni meno ricche di cartilagine e soprattutto laddove l’obbiettivo sia quello di sedare un processo infiammatorio. L’infiltrazione con acido ialuronico (sostanza che agisce come “lubrificante”), invece, è maggiormente indicata in pazienti più giovani con condizioni di sofferenza della cartilagine o iniziale artrosi oppure in pazienti più anziani con artrosi avanzata ma senza un’importante infiammazione in atto. L’iniezione di acido ialuronico può essere eseguita anche in ambito sportivo per aiutare a prevenire la sofferenza cartilaginea. In ogni caso le infiltrazioni con acido ialuronico devono essere il più possibile personalizzate sulle caratteristiche ed esigenze del singolo paziente. Esistono infatti diverse tipologie di acido ialuronico: sarà lo specialista a scegliere quella più adatta e conseguentemente la corretta posologia e frequenza di infiltrazioni.

Ma dopo quando si avvertono i benefici?

Spesso già nei giorni successivi alla prima infiltrazione, per durare poi alcuni mesi.

Ci sono controindicazioni?

Le infiltrazioni con cortisone hanno controindicazioni relative a possibili intolleranze e allergie al prodotto. Le infiltrazioni con acido ialuronico, invece, sono solitamente ben tollerate. Sebbene si tratti di una terapia sicura, però, per evitare possibili complicanze è fondamentale che sia effettuata in ambiente idoneo e da personale medico competente.

Esistono altre sostanze che possono essere impiegate per il trattamento dei dolori articolari?

Oltre al cortisone e all’acido ialuronico, per il trattamento di alcune problematiche di articolazioni, tendini e muscoli, negli ultimi anni si è affermato sempre di più il Prp, ovvero il plasma arricchito di piastrine, innovativa metodica con azione biologica e riparativa. Il trattamento con il Prp – ndr. disponibile solo in centri che abbiano ottenuto una specifica autorizzazione come Smart Clinic “Le Due Torri” – prevede l’iniezione di una piccola quantità di sangue, precedentemente prelevato e centrifugato in modo da isolare la parte contenente plasma e piastrine, ricche di fattori di crescita e in grado di favorire i processi di rigenerazione. Anche in associazione ad altre terapie, si è rivelato utile nel trattamento delle patologie degenerative o microtraumatiche dei tendini (epicondilite o gomito del tennista, infiammazione delle fibre tendinee di alcuni muscoli dell’avambraccio; tendinite achillea; infiammazione della cuffia dei rotatori; tendinite del tendine rotuleo o ginocchio del saltatore, infiammazione del tessuto che connette la rotula e la tibia) e di alcune patologie articolari (degenerative e stadi iniziali di artrosi).

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI