Quantcast
I bambini e il fascino del castello di Ferrara - BergamoNews

GiocArte

Giocarte

I bambini e il fascino del castello di Ferrara

Appena hanno visto la Piazza, il cannone, il fossato, il ponte e le torri, hanno capito quanto fosse stupendo

Siamo stati a Ferrara per il ponte dei morti e devo dirlo, la scelta di rimanere in Italia è dovuta alla situazione in cui viviamo. Per certi versi ne sono dispiaciuta, per altri trovo sia impagabile visitare luoghi del mio Paese che magari avrei snobbato per andare in città straniere, probabilmente meno affascinanti delle nostre, ma chissà perché, potendo, si decide spesso di viaggiare all’estero. Forse per un comprensibile desiderio di andare al di là dell’ovvio perché uno si dice sempre: “Posso andare a Venezia, Roma, Firenze, Palermo… in ogni momento della mia vita. Sono in Italia e quindi ci penserò”.

Onestamente questo Covid ci ha fatto compiere delle scelte anche nei viaggi e da questo punto di vista, noto la positività che ne deriva: Italia, tappa fissa.

Abbiamo visitato Torino, Napoli, Agrigento e Roma in questi due anni, con annesse località marittime di Calabria e Sardegna. Caspita, quali meraviglie abbiamo, cose spettacolari possiamo vivere tra mare, montagna, laghi, arte, cibo e storia che trapela ovunque, in qualsiasi cosa riguardi la nostra Nazione. La premessa è lunga, lo so, ma serve per far capire quanto sia stato piacevole il nostro soggiorno a Ferrara. I miei figli sono davvero dei piccoli viaggiatori, non si lamentano mai di nulla, nemmeno di aerei super in ritardo o di una coda pazzesca di 4 ore in macchina come ci è successo in questo ponte. Secondo me hanno capito che il viaggio, seppur difficoltoso, porta poi a scoperte inaspettate.

Infatti siamo arrivati a Ferrara e poco dopo avevamo prenotato la visita guidata al Castello estense, per cui ci siamo subito diretti lì, verso l’unico castello in Europa ad avere ancora il classico fossato pieno di acqua. Appena hanno visto la Piazza, il cannone, il fossato, il ponte e le torri, hanno capito quanto fosse stupendo.

La nostra guida è stata bravissima a coinvolgere i bambini, praticamente si rivolgeva solo a loro dopo averci chiesto se eravamo d’accordo a questo tipo di tour, più per loro che per noi adulti. Abbiamo visto sale elegantemente affrescate, le antiche cucine, le prigioni nei sotterranei che hanno lasciato decisamente titubanti i bambini perché piccole, senza luce, direi inquietanti, ma inerenti al tema Halloween di quei giorni.

ferrara

 

In mostra temporanea c’erano due pittori ferraresi, De Pisis e Crema, per cui uno sguardo anche alle loro opere è stato d’obbligo. Piuttosto tristi per Greta i quadri di De Pisis con uccelli e nature morte. Più apprezzati i ritratti della moglie di Crema, bellissima e dipinta come fosse una fotografia.

Poi siamo saliti in cima ad una delle quattro torri del castello e da lì si ha una vista impagabile della città. Per fortuna non c’era la nebbia, per cui abbiamo potuto godere appieno del panorama. Ferrara è divisa in due, una parte è Medioevale e l’altra Rinascimentale e dalla cima della torre, si poteva scorgere in un attimo questa differenza. È una città piacevole, non a caso è stata dichiarata patrimonio dell’umanità e per noi bergamaschi è facilmente raggiungibile. Arte e storia si respirano girovagando per le sue stradine e certamente trattorie dove mangiare bene non mancano. Un buon lambrusco, un bel tagliere di salumi, cappellacci e pasta con ragù hanno reso felici tutti, soprattutto i bambini. Loro non hanno bevuto il vino, ma verrà quel momento.

Come sempre, al rientro, Giulio non voleva tornare a casa, sarebbe rimasto volentieri a Ferrara dove il castello, le volte delle strade, i ciottoli, i palazzi ed il magico sentore di vacanza l’hanno reso felice, per fortuna.

In Italia non è certo difficile scorgere bellezze artistiche, è davvero un paese meraviglioso. Dovremmo viverlo ed apprezzarlo maggiormente, soprattutto con i nostri figli che devono comprendere quale fortuna hanno nel risiedere in una nazione spettacolare come la nostra.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI