Quantcast
Viviana, uccisa di botte nella sua casa di Valverde: condannato a 18 anni il fidanzato - BergamoNews
La sentenza

Viviana, uccisa di botte nella sua casa di Valverde: condannato a 18 anni il fidanzato

L'aggressione era avvenuta il 31 marzo della scorso anno in via Maironi da Ponte

Bergamo. Morte in conseguenza di maltrattamenti. Con questa accusa è stato condannato a 18 anni Cristian Michele Locatelli, a processo per aver picchiato mortalmente la compagna 34enne Viviana Caglioni, morta l’8 aprile 2020 al Papa Giovanni.

La sentenza è stata pronunciata venerdì dalla Corte presieduta dal giudice Giovanni Petillo.

L’aggressione era avvenuta il 31 marzo della scorso anno, in pieno lockdown, in una casa di due piani malridotta di via Maironi da Ponte, nel quartiere cittadino di Valverde.

Il decesso otto giorni dopo in ospedale, dove la giovane donna, tossicodipendente come il suo compagno, era stata ricoverata con segni di violenza: all’inguine, all’addome, in volto, sulle labbra e alla testa.

A puntare il dito contro Locatelli era stato in particolare lo zio, che la sera del 31 marzo era in casa con la coppia e la madre di Viviana, Silvana Roncoli: fin dai primi interrogatori Gianpietro Roncoli lo ha accusato di avere picchiato sua nipote per oltre mezzora e di essere stato a sua volta minacciato di morte quando cercò di intervenire.

leggi anche
colleoni valverde
Bergamo
A processo per l’omicidio della fidanzata a Valverde, tenta di evadere dal carcere
Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI