Quantcast
Denuncia lo smarrimento della patente ma finisce in carcere per vecchie condanne - BergamoNews
Albino

Denuncia lo smarrimento della patente ma finisce in carcere per vecchie condanne

L'uomo, un cuoco 40enne residente ad Albino, aveva commesso reati legati al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina in Grecia e incendiato il furgone di un connazionale a Sovere

Albino. Va dai carabinieri per denunciare lo smarrimento della patente ma viene arrestato e portato in carcere.

Perché sul conto dell’uomo, un cittadino senegalese di 40 anni, pendevano due ordini di carcerazione.

Di professione cuoco, risiede in Italia regolarmente e vive ad Albino con la famiglia. Al momento della denuncia, i carabinieri della locale stazione hanno avviato un accertamento scoprendo che, nel 2012, aveva commesso reati connessi al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e possesso di documenti falsi e il Tribunale di Salonicco, in Grecia, aveva emesso nei suoi confronti una condanna di 10 anni, 2 mesi e 26 giorni.

Non solo: il 40enne nel 2015 era stato condannato dal Tribunale di Bergamo a 2 anni per danneggiamento da incendio commesso a Sovere. In quell’occasione infatti, dopo un litigio con un suo connazionale, gli aveva bruciato il furgone.

Considerate le sue pendenze i carabinieri hanno trattenuto il senegalese, lo hanno arrestato e portato nel carcere di via Gleno.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI