Quantcast
Malinovskyi illude, Beto spegne l'entusiasmo: per l'Atalanta solo 1-1 con l'Udinese - BergamoNews
Serie a

Malinovskyi illude, Beto spegne l’entusiasmo: per l’Atalanta solo 1-1 con l’Udinese fotogallery

Prodezza dell'ucraino in avvio di ripresa, poi blackout finale dei nerazzurri: Musso salva sul possibile autogol di Lovato, poi si lancia in un'uscita folle che regala il pari ai bianconeri

Bergamo. La solita prodezza balistica di Ruslan Malinovskyi sembrava poter bastare per avere la meglio su un’ostica Udinese: invece a un minuto dalla fine del recupero un’uscita azzardata di Musso sul colpo di testa imperioso di Beto toglie ai nerazzurri due punti che sarebbero stati preziosissimi per la classifica, anche alla luce dei prossimi impegni tra Serie A e Champions League.

Primo tempo avaro di emozioni, con l’Udinese che tiene le linee strette e la pressione alta, mettendo in difficoltà il giropalla nerazzurro: la squadra di Gasperini tiene spesso la palla, senza però trovare il varco giusto per fare male.

Solo un guizzo di Zapata riesce a mettere Ilicic nelle condizioni di battere a rete, ma il tocco ravvicinato dello sloveno si stampa sul palo a Silvestri battuto.

I friulani difendono con ordine, appoggiandosi a Beto per respirare e alla velocità di Pussetto e Molina per mettere in apprensione la retroguardia atalantina.

Negli spogliatoi Gasp dà la sveglia ai suoi, che rientrano col piglio giusto e subito Ilicic va a un passo dal vantaggio col solito piattone sinistro a giro a un passo dal palo.

Se allo sloveno la specialità della casa non dà soddisfazione, l’impresa riesce a Ruslan Malinovskyi: al 57’ sinistro radente di mezzo esterno dal limite che incrocia nell’angolino basso alla sinistra di Silvestri e sblocca una partita complicatissima.

Gasp pensa anche alle fatiche di tante partite ravvicinate e butta nella mischia Muriel e Miranchuk per Zapata e Ilicic, poi Koopmeiners al posto di Pasalic e a 5 dalla fine anche l’esordiente Scalvini per Malinovskyi.

Nel finale il tecnico nerazzurro finisce invece anzitempo la sua partita, espulso al termine di un clamoroso contropiede dell’Udinese che per poco non costa l’1-1 per autogol di Lovato: nell’occasione è miracoloso Musso, autore di un guizzo da fenomeno per allontanare un pallone che stava finendo lentamente in rete dopo il tocco maldestro dell’ex difensore del Verona.

Una distrazione che segnale di quello che accadrà pochi minuti più tardi: calcio d’angolo dalla destra e stacco poderoso del colosso Beto, che di testa anticipa tutti e batte un non incolpevole Musso a un minuto dalla fine del recupero.

L’Atalanta si lecca le ferite e ora dovrà fare i conti con infermeria e assenze varie: il tour de force con Sampdoria, Lazio e Manchester United non ammette altre distrazioni.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI