Quantcast
Macchie della pelle dopo l’estate, l’esperta: “Perché si formano e come attenuarle” - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Salute

L'intervista

Macchie della pelle dopo l’estate, l’esperta: “Perché si formano e come attenuarle”

Una problematica dermatologica che può riguardare tutti, soprattutto donne dopo i 50 anni

Il sole delle vacanze vi ha lasciato come ricordo delle fastidiose macchie scure? Oggi esistono diversi rimedi, dal peeling al laser, che in mani esperte, possono aiutare ad eliminarle e restituire così alla pelle un colorito omogeneo. Come ci spiega la dottoressa Jlenia Lonigro, chirurgo plastico e medico estetico di Smart Clinic, struttura sanitaria del Gruppo San Donato all’interno del Centro Commerciale “Le Due Torri” di Stezzano, dove è possibile sottoporsi a trattamenti sicuri ed efficaci per rimuovere le macchie, grazie a macchinari con tecnologia di ultima generazione.

Dottoressa Lonigro, innanzitutto cosa si intende per macchie?

Per macchie, o per meglio dire discromie, si intendono delle aree cutanee in cui si concentra una maggiore quantità di melanina, cioè il pigmento che la pelle produce per proteggersi dall’azione dannosa dei raggi solari. Queste macchie possono essere di due tipi: il melasma o cloasma che si manifesta come un alone bruno e diffuso in genere sulla fronte, ai lati del naso, sulle guance, sopra il labbro superiore, sul mento e sul décolleté e può riguardare anche ragazze giovani o incinte; le cosiddette lentigo solari, macchie tondeggianti che di solito compaiono nelle zone che sono state maggiormente esposte al sole e a scottature, come dorso delle mani, decollete, schiena, in genere più frequenti dopo i cinquant’anni.

Perché si formano?

I principali responsabili sono un’esposizione al sole eccessiva e senza protezione, ripetuta negli anni, che favorisce un precoce invecchiamento della pelle, e il fisiologico invecchiamento cutaneo legato all’età. In entrambi i casi si verifica un rallentamento del turnover cellulare, ovvero il processo di ricambio e rinnovamento delle cellule che permette alla pelle di rigenerarsi continuamente, eliminando in modo ottimale anche l’eccesso di melanina. Oltre a una predisposizione genetica, fattori scatenanti possono essere anche l’assunzione di farmaci sensibilizzanti come antibiotici o antinfiammatori, psicofarmaci, pillola contraccettiva, problemi infiammatori o endocrini, l’uso di profumi o ceretta prima dell’esposizione al sole oppure alterazioni ormonali come quelle che si verificano in gravidanza o menopausa.

Ma cosa si può fare per attenuarle? Esistono trattamenti davvero efficaci?

A seconda della profondità nella pelle, del tipo di macchia e di pelle è possibile avvalersi di trattamenti e soluzioni diverse per schiarirle in modo evidente fino in alcuni casi a cancellarle. Se le macchie sono superficiali possono essere utili creme con sostanze schiarenti. Alcune, come quelle con vitamina C o l’acido cogico, aiutano a inibire la produzione di melanina, altre, come quelle a base di rucinolo, stimolano i melanofagi, cioè le cellule che “mangiano” la melanina, favorendo una più veloce eliminazione della melanina che si accumula negli strati superficiali della pelle. Per avere risultati è fondamentale avere costanza e applicarle tutti i giorni (meglio se di sera) per mesi. Se invece sono più profonde, può essere necessario un peeling chimico (il medico valuterà quale acido sia meglio per il caso specifico tra acido azelaico, cojico, glicolico), che esfolia in modo non aggressivo lo strato superiore della pelle, velocizzando così il ricambio delle cellule e l’eliminazione degli strati “macchiati”. In alternativa, se tutto questo non dovesse dare i risultati sperati, se si vogliono ottenere risultati in tempi più rapidi, se le dimensioni sono notevoli o in zone importanti dal punto di vista estetico come il volto, si può optare per il laser. Ne esistono tanti tipi, con azioni differenti. Per discromie resistenti, ad esempio, è consigliabile l’utilizzo della tecnologia laser Q switch. Ciò che li accomuna è il meccanismo: con specifiche lunghezze d’onda, calibrate sulla tipologia di macchia e pelle, viene “rotto” il pigmento melanico, mentre la cute chiara circostante non viene toccata. Sulla parte trattata compare una leggera crosticina, che passa nel giro di qualche giorno, svelando una macchia molto più chiara già dalla prima seduta. Il numero di sedute necessarie dipende da diversi fattori e viene stabilito dallo specialista.

E come si possono prevenire?

Soprattutto per quelle legate all’esposizione al sole in molti casi bastano semplici accorgimenti come utilizzare sempre una protezione solare adeguata al proprio fototipo non solo al mare ma anche in città, applicare prima di andare a dormire apposite creme, come quelle con vitamina C o l’acido cogico, che aiutano a inibire la produzione di melanina. Anche l’alimentazione può essere una preziosa alleata per evitare la comparsa di antiestetiche macchie scure. In particolare un ruolo importante è giocato dalla vitamina C, contenuta in particolare negli agrumi (arance, mandarini etc.) ma anche in kiwi, fragole, ciliegie etc. e in alcune verdure (lattuga, radicchi, spinaci, broccoletti, broccoli, cavoli, cavolfiori, pomodori etc.). Questa vitamina, infatti, aiuta a regolarizzare la produzione di melanina e quindi a ottenere e mantenere un colorito più uniforme. Oltre alla A, anche la vitamina E, che si trova in particolare nella frutta secca o nell’olio di oliva, può contribuire a prevenire la formazione di macchie poiché combatte i processi d’invecchiamento delle cellule, comprese quelle della pelle.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI