Quantcast
La lezione del Professor Ilicic: Atalanta, così si vince l'emergenza - BergamoNews
Appunti&virgole

La lezione del Professor Ilicic: Atalanta, così si vince l’emergenza

Josip non segnava almeno due gol dal poker di Valencia. E con Muriel e Zapata al meglio l'attacco torna al top

È tornato il Professore: Ilicic fa gol, ricama calcio, mette il turbo alla squadra. Non segnava almeno due gol dallo show di Valencia, quando ne aveva fatti ben quattro (4-3 il 10 marzo 2020) in Champions e, prima, la spettacolare tripletta al Toro con il gol da metà campo (7-0 il 25 gennaio 2020).

Poi la crisi e il…”Rinascerò“, come canta Roby Facchinetti.

L’Atalanta ha bisogno del miglior Ilicic, con lui a posto è un altro calcio e ti cambia anche il risultato, perché invece che vincere a fatica, di misura, la Dea fa quattro gol come mai era accaduto nelle prime otto giornate.

Poi guardi la classifica e si possono fare tanti ragionamenti, se era meglio ieri o oggi, se era più bella ieri o oggi. I punti sono sempre 14, l’anno scorso come quest’anno e cambiano in parte le prime della classe: anche l’anno scorso partenza forte del Milan, primo con 20 punti davanti al Sassuolo (18), poi Roma 17, Juventus 16, Inter 15 e tre squadre a 14, cioè Napoli, Atalanta e Lazio.

Quindi tra le sette sorelle torna invece ora alla grande il Napoli che sale a 24 punti, poi il Milan 22, l’Inter leggermente meglio a 17, la Roma un po’ meno a 15 e le tre, Juve e Lazio con l’Atalanta rimasta tale e quale a 14.

E alla fine l’anno scorso l’Atalanta è arrivata in Champions…

Tornando a Empoli, quando una squadra nel primo tempo ha due fuoriclasse che fanno quello che vogliono, allora la partita è praticamente già segnata.

E l’Atalanta ha ritrovato due fuoriclasse, Ilicic e Muriel, due che danno del tu al pallone, che dialogando tra di loro hanno fatto diventare matti i difensori dell’Empoli. Almeno quel tanto che basta per andare avanti di due gol, poi la solita distrazione difensiva ha rianimato i toscani prima dell’intervallo, ma la fame di gol di Zapata è bastata nel secondo tempo per chiudere il conto. Con la collaborazione di un Pasalic formato Champions e anche di un Demiral che magari a volte non sarà elegantissimo negli interventi, però due salvataggi sulla linea di porta pesano, eccome, sul risultato. E te ne accorgi.

Alla fine l’Atalanta riesce a vincere e bene alla faccia dell’emergenza infortuni, del nuovo stop per Toloi che costringe Gasperini a mescolare le carte dietro, con de Roon arretrato e poi l’ingresso di Lovato. E vedremo a Manchester come il tecnico nerazzurro rimedierà a questi problemi, che tuttavia non scalfiscono il rendimento della squadra, anzi.

Intendiamoci: avere Gosens, Djimsiti, Pessina, oltre al lungodegente Hateboer sarebbe molto meglio. Ognuno di loro ha messo la propria firma su qualche partita, ha portato un mattone prezioso alla causa nerazzurra e perciò farne a meno non è piacevole.

Per fortuna c’è  Zappacosta, che è stato un ottimo acquisto e si sta vedendo anche in Serie A almeno un po’ di quel Maehle che con la Danimarca gioca partite superlative. E per gli altri nuovi… fidiamoci di Gasperini, che meglio di chiunque altro sa come impiegare Koopmeiners o Lovato, o pensa (prima o poi) di lanciare Scalvini. O rilanciare Piccoli.

Facciamo molta attenzione alla difesa, per non tornare a prendere gol nei primi minuti, però è un passo fondamentale aver ritrovato tre attaccanti formidabili, cioè Ilicic e i due colombiani. Muriel ha fatto un assist, Zapata ha realizzato il gol numero 100 in serie A, il numero 70 nell’Atalanta, secondo solo a Doni (112). Mentre Ilicic sale a un solo gol da Gomez: 58 contro 59.

Josip dimentichi il rigore alle stelle e pensi a giocare come sa: anche all’Old Trafford, contro il Manchester United, il Professore potrebbe dare una bella lezione. Perché, come diceva quel tale, la miglior difesa è l’attacco, anche in Champions…

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Empoli-Atalanta, il film della partita
Le pagelle
Quasi tutti promossi sul campo: a Pasalic 7.5; il “7 bello” per De Roon, Ilicic, Zapata e Zappacosta
Generico ottobre 2021
Vittoria rotonda
L’Atalanta travolge l’Empoli 4-1 al Castellani e ottiene tre punti d’oro, standing ovation Ilicic
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI