Quantcast
Fondazione Comunità Bergamasca: ultimi bandi 2021 per giovani e anziani - BergamoNews
Terzo settore

Fondazione Comunità Bergamasca: ultimi bandi 2021 per giovani e anziani

Il presidente Osvaldo Ranica: “Donazioni da privati e collaborazioni tra enti del territorio: così prende forma la cultura del dono che Fondazione promuove”.

Sono stati pubblicati gli ultimi due bandi territoriali della Fondazione della Comunità Bergamasca, per un importo complessivo di 100mila euro a sostegno di progetti non lucrativi del Terzo settore rivolti a giovani e ad anziani in difficoltà.

Oltre alla collaborazione con Fondazione Cariplo, per entrambi i bandi viene confermata la partnership strategica con F.A.CE.S. Fondazione Azzanelli Cedrelli Celati e per la Salute dei Fanciulli a cui si aggiunge quella con FIEB Fondazione Istituti Educativi di Bergamo per il bando riservato a progetti a favore dei giovani.

La domanda di partecipazione deve essere presentata entro il 19 novembre 2021, seguendo la procedura online sul sito della Fondazione, da organizzazioni non lucrative private che operano nella provincia di Bergamo. Le azioni previste dai progetti (da ultimarsi entro il 31 agosto 2022) devono essere realizzabili anche in presenza delle normative di contenimento della pandemia da Covid-19.

Per entrambi i bandi, precondizione per l’erogazione del contributo da parte di Fondazione della Comunità Bergamasca è l’aver tempestivamente raccolto donazioni da parte di persone fisiche, imprese ed enti per un importo pari al 20% del finanziamento. L’obiettivo è quello di stimolare e sostenere progetti di comunità, radicati nel territorio, che hanno già suscitato l’interesse da parte di soggetti diversi dalla Fondazione.

Spiega Osvaldo Ranica, presidente della Fondazione Comunità Bergamasca: “La promozione della cultura del dono resta uno dei cardini dell’azione di Fondazione. Offrire un contributo ad un progetto che ha già ottenuto donazioni da privati, quindi già riconosciuto dalla comunità di appartenenza, è una forma di investimento sicuro a lungo termine. Sono innanzitutto le comunità che riconoscono ed esprimono i bisogni, che vengono colti e condivisi da Fondazione. Il fatto che privati, imprese ed enti di un territorio credano in un progetto, è la garanzia più forte della sua riuscita e della rispondenza ad un’istanza urgente di quel territorio. Se il progetto è anche frutto della collaborazione tra più soggetti – come in questo caso in cui a FACES si aggiunge FIEB nella progettualità a supporto della fragilità giovanile –, Fondazione ha un indicatore in più circa la sua affidabilità. E tutto questo è senza dubbio un validissimo apripista per il nostro intervento”.

Commenta Luigi Sorzi, presidente Fondazione Istituti Educativi di Bergamo: “In una fase congiunturale di ripartenza, dopo un periodo molto difficile per la terra bergamasca, si rende necessaria una fattiva collaborazione tra istituzioni, fondazioni, enti del terzo settore, associazioni no profit, mondo del lavoro al fine di garantire un supporto indispensabile di assistenza e aiuto ai minori, ai giovani e alle famiglie in condizioni di fragilità. Ecco perché Fondazione Istituti Educativi di Bergamo collabora a promuovere un bando diretto migliorare la qualità della vita e le competenze dei minori più vulnerabili e in difficoltà. La condizione di precarietà del presente, la difficoltà a scommettere sul futuro mette a rischio le fondamenta della convivenza civile in un contesto sociale ampiamente colpito. Proviamo a rialzarci, con la convinzione che ancora una volta insieme sapremo rialzarci”.

Conclude Dario Zoppetti, presidente Fondazione Azzanelli Cedrelli Celati e per la Salute dei Fanciulli: “La nostra Fondazione, frutto della fusione di tre ex-Ipab, vede già nella sua intitolazione il tema del supporto alla fragilità minorile come primario obiettivo statutario. La collaborazione, ormai consuetudinaria, con la Fondazione per la Comunità Bergamasca e con la Fondazione Istituti Educativi, va nella direzione da noi fortemente auspicata di una efficace sinergia di forze aventi finalità affini, che sempre più contribuiranno ad affrontare i crescenti bisogni del disagio minorile”.

Veniamo ora ai singoli bandi.

BANDO N. 10 – FRAGILITÀ E DISAGIO MINORILE (budget 50 mila euro)

Incrementato di ulteriori 20 mila euro rispetto al previsto, grazie all’ingresso di FIEB Fondazione Istituti Educativi di Bergamo nel panel dei co-finanziatori insieme a F.A.CE.S. Fondazione Azzanelli Cedrelli Celati e per la Salute dei Fanciulli, e all’aggiunta di ulteriori 5 mila euro di Fondi territoriali da parte di Fondazione Comunità Bergamasca, questo bando è rivolto a progetti miranti a prevenire la dispersione scolastica, le forme di bullismo, l’emarginazione e, più in generale, a favorire il benessere di adolescenti e preadolescenti in condizione di difficoltà. Sono privilegiate le azioni che prevedono il coinvolgimento e l’attivazione dei NEET (l’acronimo inglese che indica i giovani che non studiano, non stanno seguendo percorsi di formazione né stanno cercando lavoro), la creazione di spazi di ascolto e di aggregazione, iniziative di sostegno allo studio e doposcuola, percorsi di orientamento al mondo del lavoro.

Se selezionato, la Fondazione finanzia il progetto sino al 50% del costo globale e comunque in misura non superiore a 5 mila euro, nei limiti dell’importo complessivo del bando.

BANDO N. 11 – MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI NELLE RSA (budget 50 mila euro)

In questo caso i progetti devono essere rivolti sia alla fascia più debole della popolazione anziana che a coloro che sono ricoverati nelle RSA della provincia di Bergamo.

Obiettivo delle azioni è quello di alleviare la loro solitudine ed il loro isolamento, attivare servizi di supporto, offrire sostegno e assistenza a favore degli ospiti delle RSA e rafforzare la collaborazione delle RSA con gli Enti del Terzo settore del territorio. Quest’ultima finalità è determinante ai fini dell’erogazione del contributo, in quanto sono prese in considerazione solo le iniziative realizzate in collaborazione con gli ETS del territorio.

Se selezionato, la Fondazione finanzia il progetto sino al 50% del costo globale e comunque in misura non superiore a 10 mila euro, nei limiti dell’importo complessivo del bando.

I regolamenti dei bandi sono disponibili sul sito www.fondazionebergamo.it.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI