Quantcast
"Formare per assumere", nuovo bando della Regione: 15 milioni per far incontrare domanda e offerta - BergamoNews
Lavoro

“Formare per assumere”, nuovo bando della Regione: 15 milioni per far incontrare domanda e offerta

Un primo stanziamento che porta al datore di lavoro un contributo fino a 12.500 euro per ogni assunzione

Bergamo. “Formare per assumere”. È ciò che si propone Regione Lombardia con l’omonimo nuovo bando che punta a sostenere la crescita delle imprese a partire dalla formazione dei lavoratori correggendo lo squilibrio tra domanda e offerta di lavoro.

Uno squilibrio dato dal fatto che, troppo spesso e soprattutto nella nostra provincia, il lavoro c’è ma mancano le competenze adatte a svolgerlo. Perché il lavoro – tutti i lavori – sono cambiati e continuano a farlo alla velocità della luce. Questa la premessa che ha portato Melania Rizzoli, assessora regionale alla formazione e lavoro a volere fortemente questo primo stanziamento di 15 milioni di euro che porta al datore di lavoro un contributo fino a 12.500 euro per ogni assunzione.

La cifra è la somma di tre misure cumulabili: un voucher formativo (fino a 3.000 euro) per aggiornare le competenze professionali alle reali necessità dell’azienda; un incentivo variabile tra i 4000 e i 9000 euro per ciascun nuovo contratto (in proporzione crescente se si assumono lavoratori appartenenti alle categorie più penalizzate come donne e over 55 anni) e un contributo fino a 500 euro per i servizi di ricerca e selezione del personale a cui può accedere il datore di lavoro.

“Un aiuto concreto a lavoratori e imprese che abbiamo voluto semplificare al massimo anche nell’iter burocratico, una politica attiva che Regione Lombardia mette a disposizione per incentivare la ripresa, che passa dalla cultura e dal lavoro”, parole, quelle dell’assessora Rizzoli che pronunciate nella sala conferenze dell’Accademia Carrara, scelta per la tappa bergamasca di presentazione dei nuovi bandi, coordinata da Camera di Commercio di Bergamo, vogliono avere anche un valore simbolico.

 

Formare per assumere
L'incontro nella sala conferenze della Carrara

 

Beneficiarie del bando le imprese lombarde e le lavoratrici e lavoratori disoccupati da almeno 30 giorni. Incentivi che scattano a fronte di un’assunzione che può avere la forma del contratto a tempo pieno o parziale, determinato per almeno 12 mesi, indeterminato o in apprendistato. Il datore di lavoro può presentare domanda di finanziamento dopo l’assunzione, con una domanda online (unica per i tre contributi) attraverso il sistema informativo regionale. Il bando è aperto e al momento non c’è un termine per la presentazione delle domande.

È pensato per lo sviluppo delle competenze professionali e per l’incremento della competitività delle imprese il secondo bando presentato quest’oggi, “Formazione continua”, alla sua sesta edizione. Si tratta di uno strumento già conosciuto dal nostro territorio: in provincia di Bergamo sono 331 le imprese che ne hanno già beneficiato (su 2.271 in Lombardia), per complessivi 1902 lavoratori (un totale di 14.242 lombardi). Destinatari della formazione sono lavoratori dipendenti, titolari e soci di micro, piccole, medie e grandi imprese e pure lavoratori autonomi e liberi professionisti. “Formazione continua” finanzia voucher aziendali di formazione, con un contributo fino a 50.000 euro per impresa e fino a 2000 euro per lavoratore, con un minimo di 16 ore di formazione per voucher. Il termine della presentazione delle domande è il 30 dicembre 2021.

“Il problema a Bergamo non è l’occupazione, ma l’occupabilità – puntualizza Carlo Mazzoleni, presidente della Camera di Commercio di Bergamo -. Dobbiamo dare maggiori opportunità di impiego alle persone, a chi è in cerca di prima occupazione, a chi viene estromesso dal mondo del lavoro e deve rientrare e a chi è già occupato, perché le situazioni di cambiamento richiedono un continuo aggiornamento. Le competenze invecchiano rapidamente. Con questi due bandi Regione Lombardia sta intervenendo con azioni di sistema molto importanti”. Sul fronte dell’impegno, la nostra Camera di Commercio è in prima linea con l’Azienda Speciale Bergamo Sviluppo, che da tempo si occupa di orientamento, formazione, alternanza scuola-lavoro insieme a Provincia e Regione. “Nulla si fa da soli, il coordinamento è essenziale. In una società resa ancor più complessa dalle istanze della transizione, che è economica, ecologica, tecnologica, e dell’integrazione, si sente la necessità di una cabina di regia”, continua Mazzoleni.

 

Formare per assumere
L'assessore Rizzoli e Carlo Mazzoleni

 

Presente anche la Provincia di Bergamo, che contempla nella sua missione istituzionale la promozione del lavoro e della formazione, rappresentata dal consigliere Ezio Deligios. Citando il grande impegno messo in campo da ABF Azienda Bergamasca Formazione, Deligios specifica quanto sia “necessario continuare a lavorare per la crescita di imprenditori e lavoratori, formando le persone a partire dalla scuola”, che definisce “il convitato di pietra all’incontro di oggi. Perché prima che professionale, la formazione è culturale. La scuola deve essere in grado di fornire strumenti diversi per approcciarsi ad una realtà sempre più cangiante”.

“L’obiettivo è quello di trasformare questi due incentivi in misure a carattere nazionale”, conclude l’assessora Rizzoli. La battuta finale è per incentivare una formazione che sappia incontrare le esigenze del mercato del lavoro. “Come Regione – conclude Rizzoli – stiamo spingendo moltissimo per favorire l’iscrizione agli ITS Istituti Tecnici Superiori, che danno garanzia di trovare lavoro entro 6 mesi dal conseguimento del diploma. Dobbiamo far capire alle famiglie che iscriversi a un ITS non è una scelta di serie B, ma è un titolo che le aziende ci chiedono e che garantisce occupazione. Nei paesi europei queste scuole post-diploma altamente professionalizzanti hanno conosciuto un boom straordinario, vogliamo farli crescere anche in Lombardia”.

 

Formare per assumere
Da sinistra a destra Deligios, Rizzoli e Mazzoleni

 

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI