Quantcast
Bergamo, viaggio nelle case Aler di via Moroni: "Degrado, vandali e furti, questa è terra di nessuno" - BergamoNews
Il reportage

Bergamo, viaggio nelle case Aler di via Moroni: “Degrado, vandali e furti, questa è terra di nessuno” video

Tra i residenti, c'è anche chi punta telecamere abusive sul cortile per scoraggiare i malintenzionati. I locali dei contatori del gas trasformati in discariche: "Ci sentiamo abbandonati"

Bergamo. Degrado e incuria, atti vandalici e furti. Di questo parlano molti residenti delle case Aler di via Moroni, tant’è che tra di loro c’è chi ha montato una telecamera di sicurezza (abusiva), puntandola sul cortile per scoraggiare i malintenzionati.

 

Case Aler
L'occhio elettronico puntato sul cortile da un residente

 

Dal civico 307 al 319 sono un centinaio gli appartamenti. Venerdì pomeriggio, 8 ottobre, i locali dei contatori del gas sono quasi inagibili perché pieni zeppi di spazzatura. Proprio come i cestini, a dir poco strabordanti. E pure in mezzo al verde  – per nulla curato – spuntano rifiuti di ogni genere: bottiglie, cartacce, mascherine, persino reggiseni e pannolini, gomme d’auto e telai di biciclette. I muri sono coperti da scritte in bomboletta spray, mentre in alcuni punti l’intonaco si stacca dalle facciate.

 

Case Aler
I locali dei contatori del gas, pieni zeppi di rifiuti

 

Case Aler
Alcune carcasse di biciclette tra i palazzi

 

Scendendo nei garage, diverse porte presentano evidenti segni di infrazione. Ci sono scooter impolverati e senza targa, mentre parte dell’illuminazione è visibilmente danneggiata. Volutamente – secondo alcuni condomini – per favorire episodi di spaccio notturni. Ma di questo, al momento, non abbiamo prova.

“La sensazione, guardandosi attorno, è quella di un forte degrado – denuncia il Consigliere regionale Niccolò Carretta (Azione) -. Sicuramente manca un servizio di portierato sociale, anche per spiegare ai condomini la raccolta differenziata ed evitare che i locali del gas si trasformino in discariche. Vivere nel brutto porta tensione – sottolinea Carretta -. Tutti i cittadini, anche quelli delle case Aler, pagano l’affitto e le manutenzioni e hanno diritto di vivere in luogo decoroso e salubre”.

 

case Aler

 

Case Aler
Sporcizia e uno dei tanti cestini traboccanti di rifiuti

 

Un’anziana incrociata in cortile racconta di essersi trovata un topo in casa. Altre due residenti lamentano problemi ai serramenti (“vecchi, che se si rompono non si possono più aggiustare”) e ai termosifoni (“senza valvole per regolare la temperatura”). Si sentono “abbandonate”, nonostante le continue segnalazioni. “Questi palazzi – dicono – stanno diventando terra di nessuno”.

Contattato per una replica, il presidente di Aler Fabio Danesi risponde che “l’azienda è sempre intervenuta rispetto a situazione di criticità”, ma ritiene “sopralluoghi di questo tipo scorretti nei confronti di chi gestisce l’immobile. Siamo e saremo sempre disponibili a farlo verificare – conclude -, ma in nostra presenza”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Generico ottobre 2021
Il degrado tra le palazzine
Dopo il reportage di BgNews, via la sporcizia alle Aler di via Moroni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI