• Abbonati
Le preferenze

Treviglio, la Lega primo partito con il 20,40%, ma il più votato è Molteni del Pd

Impennata per Fratelli d'Italia che passa dal 2,54% nel 2016 al 10,11%, il Movimento Cinque Stelle perde più di 7 punti, buoni risultati dalle liste civiche. La vicesindaco Pinuccia Prandina con 321 preferenze rimarrà in giunta, così come Basilio Mangano.

Treviglio. Juri Imeri è di nuovo il sindaco di Treviglio ma il più votato è Erik Molteni del Pd.

La Lega si conferma il primo partito in assoluto: con 2.817 preferenze ha raggiunto il 20,40%. Non troppo distante il Pd, che con 2.445 preferenze arriva al 17,70%. Fratelli d’Italia è il terzo partito più votato, con 1.396 voti arriva al 10,11% quadruplicando i consensi rispetto al 2016. Buon risultato anche per la civica di Imeri, al 10,57% con 1.460 voti.

La lista di Matilde Tura arriva all’8,22% con 1136 voti, c’è poi Forza Italia-Udc con il 6,24% e 862 voti; la lista di Mangano al 5,89% con 814 voti e seguono tutte le altre liste del centrosinistra: Noi Trevigliesi al 3,54%, Treviglio merita di + con il 3,08%, Treviglio aperta con il 2,86.

Tracollo per il Movimento a Cinque Stelle, che arriva al 2,24% con 309 voti, perdendo più di 7 punti rispetto alle amministrative di cinque anni fa.

Agli ultimi posti Treviglio Civica del candidato Daniele Corbetta, al 2,01% con 277 voti, Salute e Futuro con 1,63% e in coda le due liste di Augusto Corsi: Rinascerò con lo 0,47% con 65 voti e Socialisti per Treviglio allo 0,43% con 59 preferenze.

La vittoria del centrodestra è ancora fresca, ma il toto-assessori è già cominciato. Pinuccia Prandina ha un posto assicurato in giunta, probabilmente rimarrà anche vicesindaco, e lo conferma lo stesso Imeri: “Visto il numero di preferenze che ha collezionato la sua presenza nella squadra è scontata. La sua lista è la seconda più votata, ha fatto una campagna elettorale importante e l’impegno che ci ha messo le va assolutamente riconosciuto”.

Quasi sicuri anche Basilio Mangano, visti i risultati ottenuti, e Alessandro Nisoli per la Lega. Il Carroccio ha diritto anche ad un altro assessore, che potrebbe rimanere Sabrina Vailati. Il punto di domanda è su quello di Fratelli d’Italia, che entra in squadra al posto di Giuseppe Pezzoni di Io Treviglio. Da decidere anche chi ricoprirà l’incarico di Presidente del Consiglio comunale.

“Ci troveremo nel fine settimana per decidere – annuncia il sindaco Imeri -. Inizieremo un confronto partendo innanzitutto da un’analisi approfondita del voto. I partiti hanno voce in capitolo, quindi attenderemo anche le loro indicazioni rispetto alle figure sulle quali vogliono puntare”.

Il primo Consiglio comunale sarà il 19 ottobre e dovrebbe quindi essere così composto: in maggioranza 4 consiglieri della Lega e i più votati sono Giulio Ferri con 171 preferenze,  Francesco Giussani con 150, Elisabeth Gatti con 124 e Monica Premoli con 113; due consiglieri per Io Treviglio per Imeri Sindaco e, tenendo conto che Pinauccia Prandina sarà in giunta con le sue 321 preferenze (la seconda più votata), tra i banchi della maggioranza siederanno probabilmente Giancarlo Fumagalli con 164 preferenze e Marco Ghiggini con 92; due i consiglieri per Fratelli d’Italia con Valentina Tugnoli con 233 preferenze e Andrea Cologno con 200, sempre che la prima non divenga assessore; il consigliere di Forza Italia sarà Michele Bornaghi con 200 preferenze; per la civica di Mangano, dopo il capolista che sarà in giunta, la più votata è stata Lorena Frigerio con 181 preferenze; in minoranza 4 consiglieri del Pd quindi il votatissimo Erik Molteni con 337 preferenze, Federico De Ponti con 220, Laura Rossoni con 195 e Mariagrazia Morini con 151 e un consigliere della lista Tura Sindaco Gianluca Pignatelli con 167 preferenze. Tra i consiglieri dell’opposizione anche la candidata sindaco del centrosinistra Matilde Tura.

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI