Verso il voto

Elezioni a Cornalba, si ripropone la sfida tra i Vistalli

Stesso confronto tra due Vistalli: Alessandro, primo cittadino in carica e già alla guida del paese per 25 anni, e Luca, che vuole una nuova amministrazione con uno sguardo su giovani e famiglie.

Cornalba. Si ripropone la sfida di 5 anni fa per la carica a sindaco di Cornalba. Stesso confronto tra due Vistalli: Alessandro, primo cittadino in carica e già alla guida del paese per 25 anni, e Luca, che vuole una nuova amministrazione con uno sguardo su giovani e famiglie.

Alessandro Vistalli, 73 anni, con i suoi 25 complessivi è il sindaco con più anni di mandato in tutta la Valbrembana. Per lui, di fondamentale importanza, è l’unità d’intenti tra i cittadini. Unità d’intenti, da raggiungere grazie all’apporto di ogni singolo cittadino.

Dalla sua parte di sicuro c’è l’esperienza. Eletto sindaco per la prima volta nel 1982 (poi ancora nel 1992 per due mandati e nel 2011 per altri due). “È cambiato tutto da quando ho iniziato – spiega Vistalli. – Per un piccolo comune come Cornalba (301 abitanti ndr), oggi è tutto più complicato. C’è più burocrazia e il lavoro si può dire raddoppiato. Quando ho cominciato, il segretario comunale seguiva solo due comuni, quindi poteva dedicare più tempo ad ogni singola amministrazione. Oggi non è più così, quindi il lavoro rimane quasi totalmente nelle mani del sindaco. Una situazione che non è solo di Cornalba, ma di vari comuni di montagna”.

Ciò che più lega gli abitanti del paese rimane il valore comunitario: “importante in paesi come il nostro, dove l’obiettivo primario rimane la salvaguardia delle attività”. A Cornalba rimangono un negozio di alimentari (“fondamentale con il proprio servizio a domicilio durante il lockdown” – tiene a precisare Vistalli) e un bar-pizzeria. Un piccolo paese che ha però un territorio molto ampio, raggiunto in estate da più di 2mila villeggianti.

Nel programma di Vistalli, dopo l’illuminazione pubblica a led, prioritaria sarà la ristrutturazione del comune. Importanti saranno poi i vari interventi previsti per l’assetto idrogeologico, per la messa in sicurezza del territorio e dell’ambiente in generale. “Per gli interventi sul territorio comunale, staremo come sempre attenti alla pubblicazione di vari bandi che possano aiutarci in questo senso” – spiega Vistalli.

Sul Monte Alben (in territorio di Cornalba), l’Associazione di promozione sociale La Cordillera sta ultimando il progetto di un rifugio solidale ed ecosostenibile. “I volontari dell’associazione stanno completando la ristrutturazione del rifugio (di proprietà del comune, ma dato in concessione per 15 anni), dove sono stati ricavati anche 16 posti letto – spiega Vistalli – . Se le tempistiche saranno confermate, il rifugio potrà essere aperto a partire dalla prossima primavera”.

Nella lista di Alessandro Vistalli, quattro conferme e i volti nuovi di Renato Carrara, Roberto Costanzo e Nicole Ghilardi: “ci tengo a ringraziare quanti hanno collaborato in questi ultimi cinque anni per il bene del comune”.

Luca Vistalli, 43 anni, mette invece al centro del programma le famiglie e i giovani, per fornire loro adeguate possibilità per rimanere a vivere sul territorio. Tra i vari progetti, la creazione di un asilo nido e la valorizzazione turistica del paese. “Vorrei vedere armonia e collaborazione nella comunità – commenta –. Mi piacerebbe che tutti mettessero un po’ del tempo a disposizione per fare del bene per il proprio comune”. Cresciuto a Cornalba, 43 anni, Vistalli pone al centro del programma il rilancio del proprio paese, per andare incontro alle esigenze delle famiglie ed incentivare i giovani a rimanere sul territorio.

“Vorremmo incentivare la nascita di nuove famiglie, anche attraverso uno studio di fattibilità per lo sfruttamento della saletta del campo sportivo per la creazione di un asilo nido – spiega Luca Vistalli – importante sarà poi fornire assistenza fiscale ed implementare una collaborazione con la farmacia di Serina per offrire il servizio di distribuzione farmaci”.

Altro aspetto sottolineato dal programma di Luca Vistalli è la valorizzazione turistica di Cornalba: “Il nostro desiderio è quello di conservare la falesia ‘Corna Bianca’, attrattiva di livello internazionale per gli appassionati di arrampicata. Altra proposta è poi la formazione di un ostello e di un rifugio in località Passo della Forca, per incentivare e ampliare le attività sportive praticabili sul monte Alben, così come importante sarà collaborare con l’Associazione di promozione sociale La Cordillera, che, sempre sull’Alben, sta ultimando il progetto di un rifugio solidale ed ecosostenibile”.

Turismo, ma anche manutenzione e valorizzazione del territorio. “Oltre alle opere di manutenzione di strade, parchi e sentieri, vorremmo valutare una variante al PGT in corso per la riduzione delle aree edificabili e la promozione del centro storico e della frazione Passoni, valorizzando gli edifici già esistenti” – spiega Luca Vistalli . La lista Sulla buona strada valuta anche la creazione di box privati e interrati in via Papa Giovanni, che consentirebbe ai residenti di parcheggiare le auto al di sotto del livello stradale e di formare parcheggi pubblici al di sopra degli stessi. Verrà valutata poi la possibilità di poter realizzare una strada agrosilvopastorale per raggiungere i pascoli sul monte Alben, per un incremento della pastorizia e della produzione dei suoi derivati.

La lista Sulla buona strada è composta anche da Dario Bolzoni, Lara Comincini, Maurizio Ferrari, Sarah Lascala, Marco Leone De Magistris, Maddalena Pennati, Oscar Rota, Matteo Sala, Paolo Vistalli.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI