Quantcast
Nascita sociale, Treviolo celebra i neo-maggiorenni - BergamoNews
Il comune informa

Nascita sociale, Treviolo celebra i neo-maggiorenni

Una festa, un evento che segna l’ingresso dei neo-diciottenni treviolesi all’interno della società civile

Una festa, un evento che segna l’ingresso dei neo-diciottenni treviolesi all’interno della società civile.

Sabato 11 settembre il giardino della biblioteca “Lanfranco da Albegno” di Treviolo ha accolto i ragazzi che hanno compiuto 18 anni nel 2020 e nel 2021 per un’iniziativa dedicata al loro diventare adulti. L’evento è stato ideato dal gruppo di giovani che hanno preso parte ad un percorso ad hoc proposto dall’assessorato alle Politiche Giovanili per accompagnarli all’importante traguardo della maggiore età.

Solitamente la nascita sociale dei diciottenni veniva celebrata all’interno di Treviva – spiega l’assessore di riferimento Martina Locatelli -. Purtroppo a causa dell’emergenza Covid la manifestazione non si è tenuta e di conseguenza anche questa iniziativa è saltata. La riproponiamo quest’anno invitando anche i ragazzi che hanno compiuto 18 anni nel 2020 ma con una modalità differente. Se prima l’organizzazione era a carico dell’Amministrazione comunale, quest’anno è stata invece affidata in toto al gruppo di giovani che hanno partecipato al percorso. Sono loro che hanno deciso la data e il programma della serata”.

Nascita sociale, Treviolo celebra i neo-maggiorenni

L’evento è iniziato proprio con il racconto, da parte dei protagonisti, di quanto è stato svolto durante gli incontri in preparazione della nascita sociale. Partiti in presenza, sono poi stati portati avanti a distanza a causa del secondo lockdown. Sotto il coordinamento degli educatori del Centro di Aggregazione Giovanile “Il Graffio”, i ragazzi hanno analizzato alcuni articoli della Costituzione per affrontare argomenti importanti come i diritti e i doveri dei cittadini, la libertà di espressione, la solidarietà, il mondo del lavoro.

Ci insegnano sempre che la strada migliore è quella più breve, ma non è sempre vero – ha detto il sindaco Pasquale Gandolfi nel suo discorso ai nuovi maggiorenni -. Nel percorso più lungo si fa più esperienza, si incontrano più persone, si vedono più luoghi, questo per dire che oggi ci insegnano a correre, a semplificare ma è nell’approfondimento che troviamo insegnamento. Godiamoci il nostro tempo, la nostra vita”.

La serata è proseguita con l’intervento dell’Aido Treviolo e con le parole del presidente onorario Marco Minali, che ha raccontato la sua esperienza da trapiantato invitando i giovani a fare una scelta sul delicato argomento della donazione degli organi.

Il momento cruciale è stato quello della consegna, ad ogni neo-diciottenne presente, del Tricolore e di una copia della Costituzione Italiana alla presenza di tutta la Giunta comunale e del comandante della Polizia Locale Matteo Copia.

I ragazzi hanno ringraziato ed hanno consegnato due doni con un grande significato simbolico: un orologio da parete con all’interno un grosso nodo fatto con una corda vecchia e una nuova e una pianta: “Prendetevene cura”, hanno raccomandato al sindaco e agli amministratori.

Spazio poi alla convivialità e alla musica, con un aperitivo offerto dal Comune accompagnato dalla musica dal vivo del duo Wabi-Sabi.

Nascita sociale, Treviolo celebra i neo-maggiorenni
ARTICOLO A CURA DEL COMUNE DI TREVIOLO
Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI