Quantcast
“Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli”: Alla scoperta del nuovo supereroe asiatico dell'universo Marvel - BergamoNews

Cinema

La recensione

“Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli”: Alla scoperta del nuovo supereroe asiatico dell’universo Marvel

Dopo lunghi rinvii, Disney e Marvel tornano nelle sale con il 25° film del MCU riportando in auge un personaggio tanto valido quanto dimenticato dal grande pubblico

Titolo: Shang-Chi e la Leggenda dei dieci Anelli
Regia: Destin Daniel Cretton
Durata: 132’
Interpreti: Simu Liu, Awkwafina, Meng’er Zhang, Fala Chen, Florian Munteanu, Benedict Wong
Programmazione: Cinema
Valutazione IMDB: 8.1/10

Da quando si ha memoria Wenwu (Tony Leung), noto ai più oggi come “il Mandarino”, è in grado di sfruttare a proprio favore il micidiale potere dei “Dieci Anelli”, strani manufatti che negli anni hanno reso la sua organizzazione una delle più potenti sulla faccia della terra. Passano centinaia di anni e nel 1996, non ancora sazio del potere fin lì accumulato, il Mandarino è in cerca di una misteriosa fonte di potere situata a Tao-Lo in Cina ma qui, per sua sfortuna, si scontra con Li (Fala Chen), la guardiana del luogo. I due si danno battaglia ma alla fine l’infatuazione prende il sopravvento ed entrambi decidono di abbandonare la loro vecchia vita per stare serenamente insieme. Benché idilliaca, la relazione tra i due non è destinata a durare e ben presto il passato di Wenwu tornerà presentando un conto salatissimo che coinvolgerà anche Shang-Chi (Simu Liu), il giovane figlio di Li e del Mandarino.

Basato sull’omonimo personaggio della Marvel Comics risalente agli anni ’70, “Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli” è il venticinquesimo lungometraggio del MCU con protagonista l’attore cino-canadese Simu Liu.

Aprendo le porte ad una narrazione che per la prima volta coinvolge una folta schiera di personaggi asiatici, il film diretto da Destin Daniel Cretton spalanca gli orizzonti ad una fase completamente nuova dell’universo Marvel, aggiungendo componenti dalla forte impronta fantasy ad una narrazione che fino ad ora, fatta eccezione forse per “Doctor Strange”, non aveva mai osato tanto. Attingendo a piene mani dall’immaginario del profondo est, tra arti marziali, animali esotici, brulli paesaggi sconfinati e lotte coreografate in cui perdere la vita è meno importante di perdere l’onore, “Shang-Chi e la Leggenda dei dieci Anelli” racconta una storia intrigante sull’importanza che la famiglia, nel bene e nel male, ricopre nella vita di tutti noi, supereroi o meno. Al pari di quanto si fece per Iron Man più di 10 anni fa o per i Guardiani della Galassia, la Marvel ha inoltre intrapreso la coraggiosa decisione di fare all in su di un personaggio sconosciuto, lontano dai discorsi degli appassionati e dalle fumetterie da ormai un decennio, mettendolo al centro di un blockbuster multimilionario strettamente connesso con la narrazione degli altri film della saga, lasciando intendere che, una volta mandati in pensione gli eroi della squadra originale, ci sarà spazio per molti altri esordienti tra le file già folte del Marvel Cinematic Universe.

Shang-Chi

Portando sul grande schermo un cast che vanta un mix equilibrato tra nuovo e già noto, il film dedica grande approfondimento alla figura di Shang-Chi, soffermandosi tanto sul ragazzo quanto sul super, ricordando per molti versi quanto fatto con Black Panther nel 2018, mostrando un comparto tecnico e visivo che non deluderà neanche questa volta, invogliando così anche lo spettatore più esigente ad attendere in sala la fine dei titoli di coda.

Battuta migliore: “Figlio mio… non si scappa dal passato”

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI