Quantcast
Referendum sull'eutanasia, il sindaco Gori: "Firmo da credente" - BergamoNews
Il primo cittadino

Referendum sull’eutanasia, il sindaco Gori: “Firmo da credente”

"La mia è una scelta ragionata, c'è un vuoto legislativo che va colmato. Firmo da credente, perché non ritengo ci sia incompatibilità tra la fede e il tema del fine vita"

“In queste settimane estive ho avuto il tempo per informarmi sul tema dell’eutanasia legale e oggi ho deciso di presentarmi al gazebo e firmare per il referendum”. Una scelta ragionata quella del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, che giovedì mattina si è presentato al gazebo della raccolta firme ed ha incontrato il promotore dell’iniziativa Marco Cappato. Dopo aver ascoltato parte dell’intervento, si è messo in fila per far certificare la sua firma come tanti altri cittadini.

“Ho cercato di immaginare come mi comporterei se un mio caro dovesse trovarsi in una situazione di estrema sofferenza – ha spiegato -. E soprattutto ho pensato a me stesso: cosa farei se avessi una patologia non curabile, che mi causasse sofferenze fisiche e psicologiche e non potessi autosomministrarmi un farmaco per porre fine alla mia vita? Cosa vorrei per me?”.

Firmo da credente – sottolinea il sindaco -, non vedo una contraddizione tra la fede religiosa e il tema del fine vita. Naturalmente rispetto anche l’opinione di chi è contro l’eutanasia legale, ma indubbiamente c’è un vuoto giuridico che crea una discriminazione tra chi è in grado di decidere e chi non lo è”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI