Quantcast
Formazione post diploma: al via corso per tecnici del settore agroalimentare - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Fondazione Maddalena di Canossa

Il percorso

Formazione post diploma: al via corso per tecnici del settore agroalimentare

Ecco le informazioni relative al corso di Fondazione Maddalena di Canossa

Il Rapporto CREA Politiche e Bioeconomia ha evidenziato come, anche in un anno segnato dalla pandemia da Covid-19 e dalla conseguente crisi economica, l’agroalimentare italiano tiene sui mercati esteri.

Nel 2020, da un lato le importazioni agroalimentari (42,3 miliardi di euro) segnano un calo del 4,7%, nettamente più contenuto rispetto a quello dell’import totale (-12,8%); dall’altro le esportazioni agroalimentari registrano addirittura un incremento dell’1,3% (per la prima volta vicine ai 45 miliardi di euro). Dopo il pareggio raggiunto nel 2019, quindi, la bilancia agroalimentare diventa positiva (+2,6 miliardi di euro) ed è evidente come il risultato positivo delle nostre esportazioni in un anno così difficile per l’economia globale sia un dato decisamente incoraggiante per il sistema nel suo complesso.

Il Made in Italy gioca un ruolo fondamentale, trainando la crescita dell’export agroalimentare, grazie all’ottima performance di prodotti tipici e di qualità provenienti da tutto il territorio nazionale.

Gli obiettivi e le finalità del corso

Per tutti questi motivi, Fondazione Maddalena di Canossa, intende promuovere il percorso formativo IFTS  dal titolo: Agricoltura Sostenibile & Food Export Management orientato alla formazione di un tecnico con competenze indispensabili per affrontare i due ambiti complementari del settore agroalimentare: conoscere i prodotti e i processi agricoli e zootecnici anche nelle loro imprescindibili evoluzioni più recenti, gli strumenti e le attrezzature innovative che caratterizzano l’agricoltura 4.0; e acquisire gli elementi essenziali per l’amministrazione dell’impresa agraria e gli strumenti per l’attuazione di modelli di business innovativi.

L’obbiettivo del percorso, infatti, è sviluppare una figura che sappia integrare competenze tecniche avanzate per l’implementazione di un’agricoltura sostenibile dal punto vista ambientale (Agricoltura biologica, Tecnologie 4.0), con competenze commerciali-amministrative che rendano competitiva l’impresa agricola in una rete commerciale globalizzata.

I temi trattati tra aula e stage

A tal fine le materie trattate, durante le 500 ore di aula e di attività laboratoriali, saranno le seguenti:

– Fondamenti di agronomia
– Fondamenti di zootecnia e benessere animale
– Fondamenti di viticoltura
– Principi e metodi dell’agricoltura biologica
– Green Agricolture: modelli sostenibili e bioeconomie
– Trasformazione dei prodotti
– Tecnologie 4.0 per l’agroalimentare
– Commercializzazione dei prodotti agroalimentari e Internazionalizzazione dell’azienda agricola
– Amministrazione dell’impresa agraria e agroindustriale
– Making your business – modulo in lingua inglese
– People Management & Soft Skills
– Technical and Business English – modulo in lingua inglese
– Salute, Sicurezza e normative alimentari ed ambientali

Completano il Percorso le 500 ore di stage, svolte all’interno di aziende partner, selezionate insieme al singolo allievo all’interno di un percorso di orientamento personalizzato. Tale attività vuole essere uno strumento per inserire poi lo studente direttamente nel mondo del lavoro.

I partner di progetto

Il Corso è realizzato con il contributo di Regione Lombardia e promosso dalla Fondazione in collaborazione con la Fondazione ITS Agroalimentare sostenibile che conta attualmente 26 soci espressione del sistema agroalimentare mantovano e dell’east Lombardy. Oltre all’Istituto Superiore “Strozzi” ad indirizzo agrario, sono soci la C.C.I.A.A. di Mantova, 5 associazioni di categoria (Confagricoltura, Coldiretti, CIA, Confcooperative, Confindustria), 2 grandi aziende del settore lattiero caseario (Consorzio Latterie Virgilio e Latteria Sociale), il Consorzio di tutela del Grana Padano e il Consorzio del Parmigiano Reggiano; 4 enti di formazione (Enaip Lombardia, Formazione Mantova For.Ma, Ifoa, Irecoop Lombardia), 4 ordini professionali (Agrotecnici e Agrotecnici Laureati Mantova, Medici Veterinari, Dottori Agronomi, Periti Agrari e Periti Agrari Laureati; oltre alla Facoltà di Scienze agrarie dell’Università Cattolica del Sacro Cuore ed AGIRE, ente di ricerca locale sulle energie alternative.

I requisiti di accesso

Per poter accedere ad un corso IFTS è necessario essere domiciliati o residenti in Regione Lombardia, avere massimo 29 anni ed essere in possesso di uno dei seguenti titoli:

– diploma di istruzione secondaria superiore
– diploma professionale di Tecnico (4° anno dei percorsi di istruzione e formazione professionale), tenendo conto della correlazione tra il diploma stesso e la specializzazione IFTS scelta.

L’accesso è consentito anche a coloro che sono in possesso dell’ammissione al quinto anno dei percorsi liceali, nonché a coloro che non sono in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore, previo accreditamento delle competenze acquisite in precedenti percorsi di istruzione, formazione e lavoro successivi all’assolvimento dell’obbligo di istruzione.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI