Quantcast
Bando asili e scuole d'infanzia, oltre 10 milioni per sei Comuni bergamaschi in graduatoria: ecco quali - BergamoNews
L'annuncio dei parlamentari pd

Bando asili e scuole d’infanzia, oltre 10 milioni per sei Comuni bergamaschi in graduatoria: ecco quali

Si tratta di Carvico, Nembro, Almenno San Bartolomeo, Cologno al Serio, Bottanuco e Fornovo San Giovanni

Buone notizie per sei comuni bergamaschi: Carvico, Nembro, Almenno San Bartolomeo (con due progetti), Cologno al Serio, Bottanuco e Fornovo San Giovanni, entrati nella graduatoria provvisoria per l’assegnazione dei 700 milioni di euro per le annualità 2021/2025: fondi destinati alla costruzione, ristrutturazione, messa in sicurezza e riqualificazione di asili nido, scuole d’infanzia, centri polifunzionali o per servizi integrativi dedicati all’educazione dei bambini e bambine e per le famiglie.

L’elenco viene definito “provvisorio” perché il Ministero effettuerà le verifiche delle dichiarazioni rese dai partecipanti all’avviso pubblico. Ma la graduatoria identifica con punteggi e seleziona i comuni beneficiari. Per il territorio bergamasco i contributi complessivi ammontano a oltre 10,5 milioni di euro, tutti sulla linea di finanziamento asili nido, quella che aveva più risorse. Il Fondo asili nido e scuole dell’infanzia ha una dotazione di 100 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2021 al 2023 e di 200 milioni per ciascun anno degli anni dal 2024 al 2034.

“Prosegue l’impegno che ha caratterizzato i governi negli anni precedenti e nella scorsa legislatura – dichiarano i parlamentari bergamaschi Elena Carnevali, Leyla Ciagà e Antonio Misiani (Pd) – per garantire le infrastrutture educative e sociali fondamentali dedicate ai bambini e alle loro famiglie. Un obiettivo strategico al centro anche del PNRR, che stanzia 4 miliardi di euro nella Missione 4 per colmare i divari rispetto agli standard europei, per offrire servizi educativi di qualità ai bambini e alle famiglie che permettono anche di colmare il gap di partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Ora – proseguono i democratici – oltre a garantire ai Comuni attualmente in coda di accedere ai successivi bandi serve verificare la possibilità di finanziamento con lo scorrimento delle graduatorie. I fondi di Next Generation Eu insieme all’attuazione dell’assegno unico universale per le famiglie con figli e alla prossima approvazione del Cd Family Act, possono permettere all’Italia di invertire il trend demografico, collocandola tra i Paesi più avanzati nelle politiche di sostegno alle famiglie e all’occupazione femminile”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI