Quantcast
Fofana, è l'ora del debutto olimpico: "Nei grandi eventi riesce a dare il meglio" - BergamoNews
L'intervista

Fofana, è l’ora del debutto olimpico: “Nei grandi eventi riesce a dare il meglio”

L'ostacolista bergamasco debutta nei 110 metri. L'allenatore: "Non pensi ai campioni e si concentri sul proprio record personale"

A volte la vita riserva delle occasioni irrinunciabili: fondamentale è farsi trovare pronti e coglierle al volo. Hassane Fofana ha dimostrato di non farsi scappare la propria chance conquistandosi la possibilità di esordire ai Giochi Olimpici Estivi.

Un traguardo che il portacolori delle Fiamme Oro Padova potrà coronare martedì 3 agosto e che rappresenta un punto di passaggio per una carriera percorsa per lunghi tratti a fianco dell’allenatore bergamasco Alberto Barbera.

“È sempre difficile quantificare a livello giovanile quanto possa esser la crescita di un atleta. Se avessi dovuto valutare quanto visto nei primi anni di fianco a lui, difficilmente mi sarei aspettato di vederlo un giorno alle Olimpiadi – racconta il tecnico orobico -. Le qualità le ha sicuramente sempre avute e la dimostrazione è arrivata con una crescita costante nel corso degli anni che gli consente ancora oggi di migliorarsi benché ormai abbia raggiunto la sua maturità atletica”.

Approdato alla corte del tecnico di Dalmine quando militava nella categoria allievi, il 29enne di Gavardo ha avuto modo di iniziare ad affrontare con continuità il panorama nazionale cogliendo con la maglia dell’Atletica Bergamo 1959 i primi successi tricolori.

Vittorie che hanno messo in luce il talento dell’ostacolista bresciano, ma che non hanno ridotto la voglia di migliorarsi e di alzare ulteriormente l’asticella.

Hassane Fofana - Campionati Europei a squadre 2019
Hassane Fofana, classe 1992

“Hassane è un ragazzo particolarmente socievole, che non si abbatte mai. La tenacia e la professionalità che lo contraddistinguono gli hanno consentito sicuramente di alzare il livello, anche se all’inizio era un po’ scapestrato – sottolinea il responsabile del settore assoluto della Bergamo Stars Atletica –. Molto probabilmente è stato aiutato dal fatto che in quegli anni allenavo anche Marco Vistalli, all’epoca fra i migliori quattrocentisti del panorama nazionale, un fattore che lo ha spinto a comprendere le potenzialità che un allenamento può offrire”.

L’ingresso nella Polizia di Stato nel 2012 non ha interrotto il rapporto fra Fofana e Barbera che l’ha continuato a seguire per altri sei anni, creando così un rapporto privilegiato con il territorio orobico che lo ha adottato a tutti gli effetti.

“Abbiamo conservato un ottimo feeling, anche perché Hassane è quasi un figlio per me. Per questo motivo ci sentiamo spesso e, quando alle gare non è presente il suo allenatore Santiago Antunez, lo seguo durante il riscaldamento e provo ad offrirgli dei consigli che possono esser utili per lui”.

Nonostante la tensione dell’esordio e la presenza di campioni del calibro dell’americano Grant Holloway e dell’oro di Rio 2016 Omar McLeod, Barbera è convinto nelle possibilità del proprio ex atleta: “L’obiettivo a cui deve puntare è sicuramente quello di fissare il proprio record personale in quanto, durante i grandi eventi, ha sempre saputo tirare fuori il meglio di sé – confessa il tecnico -. Se dovesse riuscire in questa impresa, ritengo che possa riuscire ad accedere alle semifinale. Per la finale servirebbe un exploit incredibile”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI