Quantcast
Hai più di 60 anni? A Bergamo vaccini J&J senza prenotazione nei Centri terza età - BergamoNews
Dal 27 luglio

Hai più di 60 anni? A Bergamo vaccini J&J senza prenotazione nei Centri terza età

L'iniziativa si rivolge ai 5.691 residenti a Bergamo di età superiore ai sessant’anni, il 14,8% dell’intera fascia considerata, che non sono ancora stati vaccinati

Arrivano anche nella città di Bergamo, dal 27 luglio all’11 agosto, le speciali unità mobili vaccinali allestite da Areu in collaborazione con Ats Bergamo con la missione di favorire la somministrazione del siero anti-Covid ai cittadini over 60 che ancora non hanno aderito alla campagna.

L’iniziativa, concordata dalla vicepresidente ed assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, con il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, si rivolge ai 5.691 residenti a Bergamo di età superiore ai sessant’anni, il 14,8% dell’intera fascia considerata, che non sono ancora stati vaccinati.

“Nella città di Bergamo – spiega la vicepresidente Letizia Moratti – su 38.284 persone con un’età superiore a 60 anni, 32.593 hanno già ricevuto almeno una dose di vaccino. Al fine di incrementare la copertura vaccinale di questa fascia di popolazione, particolarmente colpita dal virus, ho dato vita, in accordo con il sindaco Giorgio Gori, a una proficua collaborazione istituzionale che consentirà di proporre alcune giornate di offerta vaccinale a libero accesso proprio rivolte agli over 60 non ancora vaccinati, residenti nei quartieri della città. Mi auguro che questo ulteriore sforzo trovi nei cittadini bergamaschi una risposta positiva, a conferma dell’alto senso civico dimostrato per tutto il perdurare di questa drammatica crisi pandemica. La priorità assoluta della campagna vaccinale – rimarca Moratti – è quella di mettere in sicurezza le persone anziane e quelle fragili, le più esposte alle conseguenze nefaste delle malattie provocate dal Covid”.

Regione Lombardia risponde così in modo concreto agli appelli del generale Figliuolo e rafforza l’offerta vaccinale senza prenotazione per venire incontro a tutte le possibili esigenze dei lombardi over 60: unità mobili per arrivare proprio dove le persone vivono, vaccinazioni nelle farmacie convenzionate aderenti, porte aperte degli hub vaccinali.

Parola d’ordine: immunizzarsi per tutelare la propria salute e per fermare la circolazione delle nuove varianti del virus. Una scelta consapevole e un gesto di solidarietà importante nei confronti di tutti. Salvaguardare la propria salute e contemporaneamente quella della comunità.

“È ormai chiaro a tutti che con la variante Delta si sta sviluppando in Italia una quarta ondata dell’epidemia di Covid-19 – dichiara il sindaco Giorgio Gori – che espone a gravi rischi i cittadini che ancora non sono stati vaccinati, e in particolare quelli più anziani. Sappiamo che a Bergamo mancano all’appello quasi 6mila persone di età superiore a 60 anni, molte delle quali vivono in una condizione appartata, con limitate relazioni sociali. Per questo abbiamo deciso, insieme alla vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti, di andare loro incontro, organizzando una campagna di vaccinazioni dedicata, organizzata in modo capillare nei quartieri della città, con il coinvolgimento diretto dei centri che aggregano tanti anziani della città. Dobbiamo fare di tutto per far emergere, e proteggere, questa residua fascia di cittadini vulnerabili. Ed è per questo che mi rivolgo, oltre che direttamente a loro, ai loro figli, parenti e conoscenti: abbiamo l’occasione per mettere in sicurezza migliaia di nostri concittadini, cogliamola al volo”.

Le vaccinazioni verranno effettuate presso 13 dei Centri per Tutte le Età (Cte) presenti nei quartieri della città di Bergamo con l’ausilio di una unità mobile messa a disposizione da Areu per il periodo 27 luglio – 11 agosto 2021.

Verrà data la possibilità ai cittadini residenti nella città di Bergamo e di età superiore ai 60 anni, non ancora vaccinati o prenotati, di recarsi nei luoghi e nelle date secondo il calendario in calce, senza appuntamento, nella fascia oraria 9.00 – 13.00.

L’équipe medico-infermieristica verrà messa a disposizione da Ats Bergamo.

Il vaccino utilizzato sarà il monodose Janssen della Johnson& Johnson.

Massimo Giupponi, direttore generale ATS Bergamo: “Sappiamo che gli over 60 rappresentano la fascia di popolazione più a rischio di contrarre il Covid-19, soprattutto in questo momento in cui si sta diffondendo la variante Delta. Nel Comune di Bergamo il 15% circa dei residenti over 60 non è ancora stato vaccinato: si tratta grosso modo di 5.000 persone, un target che – per quanto ridotto – vorremmo comunque raggiungere. Per farlo, per incentivare cioè l’accesso alla vaccinazione anti Covid da parte di questa fascia di popolazione, per gli over 60 residenti nel Comune capoluogo, da questa settimana parte un progetto di prossimità: li raggiungiamo cioè vicino a casa. Medici e infermieri di ATS Bergamo, con un’unità mobile messa a disposizione da Regione Lombardia, si appoggiano ai CTE (Centri per Tutte le Età) dei quartieri della città per agevolare la vaccinazione dei 5.000 over 60 non ancora vaccinati residenti a Bergamo”.

vaccino covid cte
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it