Scomparso da 8 mesi: ritrovato sulla Presolana il cadavere di Alessandro Fornoni - BergamoNews
Val seriana

Scomparso da 8 mesi: ritrovato sulla Presolana il cadavere di Alessandro Fornoni

Il 46enne era sposato e aveva due figli. Un paio di anni fa la famiglia era stata colpita da un altro lutto, con la scomparsa di un terzo figlio

È stato ritrovato martedì sulla Presolana il cadavere di Alessandro Fornoni, il 46enne residente ad Ardesio che era scomparso domenica 4 ottobre scorso durante un’escursione.

L’ultimo segnale del cellulare dell’uomo era stato registrato alle 9.15 mattina di quel giorno a 2.485 metri, mentre l’ultimo avvistamento da parte di altri escursionisti era stato attorno alle 8. Poi si erano perse le tracce.

Le ricerche, rese difficoltose dalla neve in quota e dalle condizioni climatiche, erano andate avanti per giorni subito dopo la scomparsa. Impegnati gli uomini del soccorso alpino, quelli della guardia di finanza, dei carabinieri e dei vigili del fuoco, anche con elicottero e droni. Ma senza esito, fino alla sospensione.

soccorso alpino colere

Fornoni era sposato con Roberta e aveva due figli, Giuseppe di 17 anni e Bryan di 25. Un paio di anni fa la famiglia era stata colpita da un altro lutto, con la scomparsa di un terzo figlio, Davide, deceduto a 19 anni dopo un incidente in moto.

È stato proprio Bryan a riconoscere il cadavere del padre, attraverso una foto che gli è stata inviata dagli uomini del soccorso alpino di Clusone che hanno raggiunto il punto, a quota 2050 metri di altezza, in cui altri due escursionisti avevano notato una macchia nera.

Sul posto sono arrivati anche i carabinieri di Ardesio e gli uomini della Guardia di Finanza a bordo di un elicottero. Fornoni ha perso la vita dopo essere precipitato, resta solo da capire se sia stato un incidente o un gesto volontario.

L’autorità giudiziaria ha disposto un’ispezione cadaverica esterna prima della restituzione della salma alla famiglia per il funerale.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it