"La donna che mi ha fatto cadere dalla moto è scappata: aiutatemi a rintracciarla" - BergamoNews

Lettere

La richiesta

“La donna che mi ha fatto cadere dalla moto è scappata: aiutatemi a rintracciarla”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Antonio, vittima lunedì 14 giugno di un incidente auto-moto a Bergamo in via Martin Luther King, nei pressi del parco della Trucca

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Antonio, vittima lunedì 14 giugno di un incidente auto-moto a Bergamo in via Martin Luther King, nei pressi del parco della Trucca. La donna che ha causato il sinistro si sarebbe dileguata dopo lo scontro e il nostro lettore ci chiede aiuto: qualcuno ha assistito all’incidente?

Ecco la lettera di Antonio.

Spett.le Redazione,
scrivo questa lettera perché lunedì 14 giugno 2021 è accaduto un episodio molto grave e umiliante per me e la mia ragazza. Erano circa le 17.30 quando, dopo una giornata di lavoro, ci stavamo dirigendo, a bordo del mio scooter, verso il parco della Trucca per fare un po’ di sport.

In quel momento il traffico non era per niente scorrevole. Stavamo percorrendo via Martin Luther King in direzione della circonvallazione, ed eravamo a circa un minuto dal parco quando, poco prima dell’incrocio con via Cavalli, a ridosso del semaforo, un’utilitaria di colore grigio/oro, con a bordo una signora relativamente giovane e un bimbo nel seggiolino adagiato sul sedile posteriore, a semaforo rosso e macchine ferme in coda, ha improvvisamente invaso la corsia opposta, senza segnalare con la freccia direzionale né guardare nello specchietto laterale, travolgendo me e la mia ragazza, che stavamo sopraggiungendo, fortunatamente a bassa velocità.

Potreste dire, un incidente stradale, può capitare… La cosa raccapricciante è che oltre ad essere stati sbalzati sull’asfalto bollente, la signora non ci ha prestato soccorso: infatti, con la scusa di spostare l’auto nell’adiacente via Cavalli, mentre noi mettevamo in sicurezza il mezzo e ci apprestavamo a chiamare il 112, la signora conscia dell’errore e delle sue conseguenze ha pensato bene di dileguarsi. Oltre al politrauma, lesioni ed escoriazioni subite, la ferita più grande è stata proprio questa: non riesco a capacitarmi come nel 2021 una persona adulta (e supponiamo in questo caso madre del piccolo a bordo) causa un incidente, fa finta di niente, non si preoccupa dei danni fisici, non fornisce assistenza psicologica a due ragazzi, omette soccorso e sparisce nel nulla.

Con questa lettera vorrei chiedere a chiunque fosse vicino al luogo dell’incidente, che ha visto l’impatto e che ha notato qualche dettaglio dell’utilitaria, o meglio ancora la targa (anche alcuni numeri o lettere potrebbero rivelarsi decisivi), di scrivere alla redazione, in modo che questa persona possa essere identificata e perseguita penalmente dalla magistratura.

L’insegnamento che avrei dato a mio figlio, se mi fossi trovato in una situazione simile, sarebbe stato quello di fargli capire che di fronte ad un errore, piccolo o grande che sia, si può rimediare e che nella vita di tutti i giorni, andare a dormire con la coscienza a posto sia una delle cose più importanti.

Antonio

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it