Quantcast
Il nido “La Stellina” fa scuola: scelto come esempio di qualità pedagogica - BergamoNews
Il riconoscimento

Il nido “La Stellina” fa scuola: scelto come esempio di qualità pedagogica

È coinvolto nelle attività di affiancamento al lavoro programmate in Italia dal progetto Early Childhood Education promosso dal Bavarian Institute of Early Childhood Research (IFP), in collaborazione con il Dipartimento di Scienze umane e sociali dell'Università degli Studi di Bergamo

Il nido “La Stellina” di Azzano San Paolo è coinvolto nelle attività di job shadowing programmate in Italia dal progetto Early Childhood Education promosso dal Bavarian Institute of Early Childhood Research (IFP), in collaborazione con il Dipartimento di Scienze umane e sociali dell’Università degli Studi di Bergamo, scelto come Struttura da Osservare e portare come esempio di “qualità pedagogica” insieme ad altre due istituzioni bergamasche dal 22 al 24 giugno 2021.

L’obiettivo dello scambio è cogliere i diversi approcci pedagogici nei servizi per l’infanzia in Europa ed in particolare come è nato “l’approccio la stellina”. La dottoressa Giovanna Parimbelli e l’equipe pedagogica La Stellina spiegano: “Quando mi chiedono cosa c’è alla base del mio pensiero pedagogico parlo di una “contaminazione di saperi” che ampliano notevolmente la prospettiva con cui si guarda all’educazione. Molti sono stati i miei maestri in questi anni, primi fra tutti i miei figli Giulia e Filippo, la mia innata curiosità e solo per citarne alcuni il Prof. Fornasa, la Prof. Evelina Scaglia, Grazia Honnegger Fresco allieva di M.Montessori. Arno Ster e molti altri. Per me educare significa “ciò che libera” come sosteneva Gandhi: cioè che permetta al singolo di coltivare il suo senso interiore, il suo sé, ma non in modo isolato ed individualista, e nemmeno di un intelletto arricchito e coltivato come troppo spesso accade all’interno di scuole ancora troppo nozionistiche, ma di una relazione generativa tra mente e cuore. Educare è per me liberare e liberare comporta restituire a ciascuno la possibilità di divenire protagonisti della propria rinascita in modo consapevole e l’unica strada percorribile è permettere sin da piccoli di sviluppare un pensiero critico e creativo libero da pregiudizi. Tutto ciò perde di importanza se non vengono coinvolte le famiglie, soprattutto in un momento così delicato come è quello del “divenire genitori”, per questo è da qualche mese aperto un centro psicologico d’ascolto al nostro interno. In questo mi è stato di grande ispirazione J.Bowlby che per primo ha dichiarato che non ci si può prendere cura dei bambini senza occuparsi delle loro famiglie”. Il nido la stellina da anni collabora con Unibg che nel tempo è andata crescendo attraverso ricerche in ambito psicologico, con interventi sulla scatola magica nell’ambito dei “seminari del lunedì” per gli studenti del corso di studi in Scienze dell’educazione – indirizzo Educatori nei servizi per la prima infanzia e come sede ospitante dei tirocini di tale corso e del master di I livello in Tecnico superiore per la pedagogia e la metodologia montessoriana nei servizi per l’infanzia (0-6), promosso anch’esso dall’Università degli Studi di Bergamo, e che vede come epilogo la registrazione del marchio “la scatola magica” e la conseguente uscita editoriale del libro. “Non sappiamo cosa accadrà in futuro tutto è così veloce e in cambiamento e questi ultimi anni ce l’hanno insegnato, e l’istruzione ha il compito di prepararci a questo futuro incerto. Come educatori e genitori abbiamo il compito di prepararli a questa imprevedibilità del mondo, una imprevedibilità che spaventa ma che al tempo stesso è affascinante e straordinaria. Io stessa ho più volte pensato in quest’anno di Covid che non ce l’avrei fatta a livello imprenditoriale e poi questa grande soddisfazione, prendere parte ad una ricerca internazionale, grazie a tutti coloro hanno creduto in me e in noi”.

Per avere ulteriori informazioni:
www.asilonidolastellina.com, asilo nido la stellina facebook, instagram lastellinasilonido

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI