Ignora l'alt dei carabinieri e fugge su un autocarro rubato: 38enne in manette - BergamoNews
A bottanuco

Ignora l’alt dei carabinieri e fugge su un autocarro rubato: 38enne in manette

Nel suo maldestro tentativo di sfuggire ai militari ha abbandonato il mezzo ancora in corsa, facendolo schiantare contro un muretto di cinta di un condominio: nella circostanza è anche rimasto ferito un passante.

Durante un servizio di controllo del territorio, i carabinieri della Compagnia di Treviglio nella tarda mattinata di martedì 15 giugno hanno tratto in arresto J.B.G., 38enne pregiudicato di origine rumena in Italia senza fissa dimora, sorpreso alla guida di un autocarro rubato.

I militari della Stazione di Capriate San Gervasio hanno intimato l’alt al conducente di un Iveco in transito lungo la S.P. 170 di Bottanuco che, ignorando l’invito a fermarsi, ha invece accelerato, tentando la fuga dopo aver abbandonato il mezzo pesante ancora in movimento.

Privo di guida, l’autocarro è uscito di strada perdendo parte del carico consistente in materiali di risulta e abbattendo un muretto di recinzione condominiale: nella circostanza è rimasto anche ferito un anziano che ha riportato escoriazioni e tumefazioni multiple su varie parti del corpo, con lesioni giudicate guaribili in quindici giorni.

L’autista del mezzo pesante, inseguito a piedi dai militari, è stato raggiunto, bloccato ed arrestato. I successivi accertamenti, oltre alla mancanza di qualsiasi titolo di guida, hanno palesato la provenienza furtiva del mezzo, risultato rubato l’11 giugno a Melzo.

Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando Compagnia Carabinieri di Treviglio in attesa della celebrazione di processo di convalida che si terrà nella mattinata di mercoledì al Tribunale di Bergamo.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it