Altra tragedia sul Gran Zebrù: muore giovane alpinista di 26 anni - BergamoNews
Lunedì mattina

Altra tragedia sul Gran Zebrù: muore giovane alpinista di 26 anni

Solo un mese fa, sempre sul Gran Zebrù, un altro incidente aveva colpito due alpinisti bergamaschi, quando una valanga travolse e uccise Fernando Bergamelli, 55enne di Pradalunga, e Oscar Cavagnis, 47enne di Vertova. 

A differenza di quanto trapelato, è bresciana la ragazza di 26 anni morta nella mattinata di lunedì 14 giugno sul versante valtellinese del Gran Zebrù.

L’allarme è stato dato attorno alle 8.30 dall’uomo che si trovava con lei, un altro bresciano (entrambi di Darfo Boario Terme), a oltre tremila metri di quota nel territorio di Valfurva, in provincia di Sondrio: i due si trovavano in cordata all’uscita del Canale Pale Rosse, sulla cresta che porta alla vetta, quando improvvisamente la donna è scivolata e precipitata per circa 600 metri.

Immediata la richiesta di soccorso, con l’attivazione del soccorso alpino della VII Delegazione di Valtellina e il Sagf della Guardia di Finanza di Bormio.

Con l’aiuto dell’elicottero Pelikan3 i soccorritori di Solda hanno raggiunta l’alpinista, purtroppo già priva di vita. La salma è stata trasportata prima a Solda e poi a Silandro.

Il compagno invece è stato recuperato con una verricellata e trasportato a valle dove è stato preso in consegna dai Soccorritori del Soccorso Alpino di Valfurva.

Solo un mese fa, sempre sul Gran Zebrù, un’altra tragedia aveva colpito due alpinisti bergamaschi: il 19 maggio una valanga aveva travolto e ucciso Fernando Bergamelli, 55enne di Pradalunga, e Oscar Cavagnis, 47enne di Vertova.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it