L'inno degli Europei e quella somiglianza con "Ringo Starr" dei Pinguini Tattici - BergamoNews
Un plagio?

L’inno degli Europei e quella somiglianza con “Ringo Starr” dei Pinguini Tattici

"We Are The People”, la canzone ufficiale di Euro 2020 realizzata dal dj Martin Garrix e Bono e The Edge, voce e chitarra degli U2, sarebbe una copia del successo del gruppo bergamasco

Dagospia riporta un articolo di Leggo che segnala una certa somiglianza tra “We Are The People”, la canzone ufficiale di Euro 2020 realizzata dal dj Martin Garrix e Bono e The Edge, voce e chitarra degli U2, e “Ringo Starr” dei “Pinguini Tattici Nucleari”.

L’accusa è partita dai social, dove alcuni attenti utenti hanno notato la somiglianza fra i due brani.

Euro 2020 è iniziata e per l’occasione il dj Martin Garrix assieme a Bono e The Edge degli U2, hanno realizzato la canzone ufficiale della manifestazione, “We Are The People”. Alle orecchie attente degli utenti dei social però non sfugge niente e in molti hanno notato una grande somiglianza del pezzo con la canzone “Ringo Star” dei Pinguini Tattici Nucleari, presentata al Festival di Sanremo 2020 e con cui hanno ottenuto la terza posizione.

Per il social i brani sono quasi indistinguibili: “Qualcuno – si legge in un tweet – avvisi i tizi degli Europei che la sigla è uguale alla canzone dei Pinguini Tattici Nucleari su Ringo Star”, oppure: “Ma il jingle degli Europei è chiaramente rubato ai @pinguinitattici #RingoStarr #europei2021 #eramano”.

Gli interventi ironici non mancano, ma alcuni utenti sottolineano anche che in fondo un plagio da una star del rock come Bono Vox non è poi tanto male…

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it