Turchia-Italia, Sissi o Una folle passione? La tv dell'11 giugno - BergamoNews
I programmi

Turchia-Italia, Sissi o Una folle passione? La tv dell’11 giugno

Ecco il palinsesto delle reti televisive per la prima serata di venerdì 11 giugno

Per la prima serata in tv, venerdì 11 giugno su RaiUno alle 20.30 verrà trasmessa la partita di calcio fra Turchia e Italia, per gli europei Euro 2020 Fase a Gruppi: Girone A. Telecronaca di Alberto Rimedio e Antonio Di Gennaro.

Su Rete4 alle 21.20 l’appuntamento è con “Quarto grado – Le storie”, condotto da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero.

Su La7 alle 21.15 spazio a “Propaganda live – Best of”.

Per chi preferisse vedere un film, su RaiDue alle 21.20 c’è “Stai lontano da mia figlia”; su RaiTre alle 21.20 “Sissi Destino di un’imperatrice”; su Canale5 alle 21.45 “Una folle passione”; su Italia1 alle 21.15 “Mamma ho preso il morbillo”; su Rai4 alle 21.20 “Daughter of the Wolf”; su La5 alle 21.05 “Qualcosa di cui… sparlare”; su Iris alle 21.10 “L’esorcista – Versione integrale” e su Italia2 alle 21.10 “Con gli occhi dell’assassino”.

Su Rai5 alle 21.15 verrà proposto il documentario “Art night – Art rider: Da Monte d’Accoddi a Sant’Antioco”. La Sardegna, culla della civiltà nuragica e terra oggetto di dominazioni che hanno contribuito ad arricchirla culturalmente. A seguire, “Castelli”: il gallerista Leo Castelli e la Pop Art: un binomio inscindibile. Grazie a lui, l’arte americana sbarca in Europa negli anni ’60.

Da segnalare, infine, su La7D alle 21.30 il telefilm “Joséphine, Ange Gardien” e su Mediaset Extra alle 21.15 “Tu si que vales”.

 

Questi sono i programmi previsti per stasera salvo variazioni dell’ultimo momento apportate dalle reti televisive.

leggi anche
  • Il commento
    Nazionale ok, chi ben comincia… E un po’ assomiglia alla Dea
    Italia Turchia Getty
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it