Bergamo, 16enne preso a pugni per 2 euro: identificata coppia di coetanei - BergamoNews
Si cerca il terzo

Bergamo, 16enne preso a pugni per 2 euro: identificata coppia di coetanei

La Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due giovani, classe 2005, ritenuti responsabili della rapina avvenuta la sera del 25 febbraio

Nella mattinata di venerdì la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale per i Minorenni di Brescia, nei confronti di due giovani, classe 2005, ritenuti responsabili della rapina avvenuta la sera del 25 febbraio scorso in via San Carlo, angolo Salita della Scaletta ai danni di un coetaneo.

Quel giorno gli agenti hanno appurato che un sedicenne, mentre da via Porta San Giacomo si dirigeva a piedi verso la funicolare di viale Vittorio Emanuele II, è stato bloccato da tre giovani che, dopo averlo immobilizzato, lo hanno più volte colpito con diversi pugni al volto e al corpo, impossessandosi del suo portafogli contenente soltanto 2 euro.

Alla vittima, successivamente trasportata da personale sanitario al pronto soccorso dell’Ospedale “Bolognini” di Seriate, è stato diagnosticato un “trauma facciale” con prognosi di 22 giorni.

In tempi brevi e con grande meticolosità, i poliziotti della Sezione “Reati contro il Patrimonio” della Squadra Mobile, partendo dalle dichiarazioni della giovane vittima, hanno rintracciato e identificato due degli autori del reato, grazie anche all’esame delle immagini dei circuiti di videosorveglianza e all’attenta e dettagliata analisi dei tabulati telefonici.

Le risultanze investigative, sposate pienamente dalla Autorità giudiziaria, hanno dunque portato all’immediato collocamento in comunità dei due giovani.

È tutt’ora in corso intensa attività d’indagine finalizzata all’identificazione anche del terzo dei rapinatori.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it