Scomparso da sabato, ritrovato senza vita in un canale sul monte Resegone - BergamoNews
Tragico epilogo

Scomparso da sabato, ritrovato senza vita in un canale sul monte Resegone

Adriano Rota, 70enne di Albano Sant’Alessandro, era uscito per un'escursione in montagna ma non aveva più fatto rientro a casa

Tragico epilogo per la vicenda di Adriano Rota, il 70enne di Albano Sant’Alessandro di cui si erano prese le tracce da sabato scorso: il suo cadavere è stato ritrovato lungo un canale in prossimità della cresta del monte Resegone.

L’uomo era uscito per un’escursione in montagna ma non aveva più fatto rientro a casa. Nelle ore successive sono scattate le ricerche che hanno coinvolti i tecnici del Soccorso Alpino della VI Delegazione Orobica.

La sua auto è stata notata nel paese di Brumano, ai piedi del Resegone, dove poi si sono concentrate le ricerche, dal sindaco Giovanni Manzoni.

Mercoledì era stato chiesto anche il supporto dei tecnici del Soccorso Alpino e dei Vigili del fuoco di Bergamo per perlustrare la zona al confine tra le province di Lecco e di Bergamo: nel pomeriggio il corpo dell’uomo è stato ritrovato privo di vita su versante bergamasco del Resegone.

L’ultima volta era stato visto sabato da alcune persone nella zona della Cima Quarenghi – La Passata. Le squadre di soccorso hanno circoscritto la zona alle creste del Resegone e scendendo hanno trovato alcuni oggetti appartenenti all’uomo.

Poco dopo, scendendo in un canale hanno trovato il corpo senza vita. Era scivolato sul versante sud-ovest mentre scendeva dalle creste in un canale. L’elisoccorso di Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza) ha portato l’équipe sanitaria nel luogo del rinvenimento, per la constatazione del decesso.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it