Arriva l'ok dalla Uefa: Pessina agli Europei al posto di Sensi - BergamoNews
L'ufficialità

Arriva l’ok dalla Uefa: Pessina agli Europei al posto di Sensi

La commissione medica ha dato il via libera all'Italia per la sostituzione del centrocampista dell'Inter con quello dell'Atalanta, che entra ufficialmente nei 26 per la competizione.

Era solo una questione burocratica, ma quando di mezzo ci sono regolamenti e vincoli di una competizione internazionale, meglio non annunciare le ufficialità prima del tempo.

Lunedì la commissione medica della Uefa ha però confermato alla Figc il proprio benestare alla sostituzione di Stefano Sensi, inserito nella lista ufficiale dei 26 convocati da Roberto Mancini, con l’atalantino Matteo Pessina, che era rimasto nel ritiro Azzurro proprio come unica riserva in caso di necessità.

Un taglio che, come detto, mancava solo dell’ufficialità: dal momento in cui il centrocampista dell’Inter ha accusato un problema muscolare a metà della scorsa settimana è apparso chiaro che non avrebbe potuto partecipare alla rassegna continentale, ma il suo forfait non era mai stato annunciato.

L’Italia, che aveva tempo fino a giovedì 10 per operare eventuali cambi, ha invece avuto il via libera e ha confermato la propria rosa, con il nome di Pessina.

La questione era finita nelle mani della commissione medica in quanto il regolamento della competizione prevede la possibilità di deroga dopo la consegna della liste (avvenuta una settimana fa) solo in caso di infortunio grave.

Non esattamente la diagnosi di Sensi, che ufficialmente ha sofferto di un risentimento all’adduttore: l’Uefa, però, ha evidentemente accettato la buona fede della richiesta italiana, passando al vaglio anche la recente storia clinica dell’ex Sassuolo, tormentato dalla pubalgia.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it