Quantcast
Lidia, un'artista piccola piccola e dalle idee chiare - BergamoNews

GiocArte

Giocarte

Lidia, un’artista piccola piccola e dalle idee chiare

Sto imparando sempre di più quanto siano preziosi gli occhi dei bambini, il loro modo di vedere le cose e di come poi sappiano realizzare con niente dei capolavori.

Mia figlia ha un’amica davvero gentile, educata e bravissima a disegnare. Grazie a Lidia, così si chiama, abbiamo imparato che si può essere seriamente delle piccole appassionate di arte e delle eccezionali autodidatte nel creare stupendi lavori.

Sono due bambine della stessa età e si conoscono perché fanno danza insieme da ormai qualche anno. Da poco abbiamo scoperto il talento innato di Lidia per disegno e sculture di pasta modellabile.

Guardando alcune foto delle sue creazioni, sia io che Greta siamo rimaste davvero impressionate. Per essere una bambina di quarta primaria, trovo sia encomiabile questo suo interesse che la porta a lavorare ai suoi progetti con impegno e passione nei suoi momenti liberi.

Ognuno di noi ha delle attitudini e per quanto mi riguarda, se mi capita di incontrare dei bambini particolarmente portati all’arte, quasi mi emoziono. Lidia è decisamente una piccola artista che infatti già sa di voler frequentare il Liceo Artistico, lo dice convinta e sorridendo. In questo caso non c’è alcun bisogno di portare mia figlia a visitare un Museo o a sfogliare un libro, basta solo osservare la sua amica mentre disegna, cosa che è successa un pomeriggio dove ha imparato come si possono valutare proporzioni, sfumature di colore ed altre tecniche annesse alla realizzazione di una figura umana. Non sono nozioni acquisite da Lidia a scuola, c’è arrivata da sola con l’aiuto di qualche video in Internet.

lidia giocarte

Di base l’arte è intorno a noi, basta notarla e probabilmente i bambini sono i primi ad accorgersi della sua presenza. Sono loro a guardare le nuvole nel cielo ed a scorgerci un drago. Sono loro a raccogliere una foglia e notare che è a forma di cuore. Sono loro che entrando in una chiesa saltellano sul pavimento perché ha le piastrelle geometriche mentre magari, un adulto, avrebbe guardato solo in alto. Di una scultura possono notare il più piccolo e per noi genitori, insignificante particolare. Oppure in un quadro futurista di Boccioni scorgono un treno, difficile da capire per molti eppure è lì che sbuffa vapore.

Sto imparando sempre di più quanto siano preziosi gli occhi dei bambini, il loro modo di vedere le cose e di come poi sappiano realizzare con niente dei capolavori. Non posso basarmi solo sui miei figli perché in questo caso è stata Lidia a farmi comprendere quanto si possa essere appassionati di arte fin da piccoli. Mi ha rincuorato sapere che allora è vero che l’arte viene assimilata dai bambini, piace, può diventare uno svago, una passione, un gioco.

È un’alternativa valida alle costruzioni, ai giochi in scatola, ai puzzle, soprattutto nei giorni di pioggia o invernali. Come mia consuetudine concludo dicendo che dipingere, incollare, tagliare, impiastrare sia davvero utile per i nostri piccoli, utile e divertente.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI