Quantcast
È il teatro, bellezza - BergamoNews
Bentornato donizetti

È il teatro, bellezza

Sapete come l'abbiamo rivisto dopo tre stagioni di lavoro? Nel modo più ovvio, ma anche più impensabile: dal palco. Noi eravamo sul palco: a un tratto, davanti ai nostri occhi increduli, si è spalancata la gioia

C’è un tempo per ogni cosa. Un tempo per abbracciarci e un tempo per astenersi dagli abbracci. Prima di arrivare a questo tempo di luce dovevamo attraversare il tempo del buio e del lutto.

È la calda voce di Lella Costa che ci accompagna dentro la meraviglia. Finalmente. Dentro l’incanto che Bergamo si merita.

Dentro la bellezza della cultura. No, non quella aulica e inaccessibile, quella aperta, per tutti. Quella che c’è dentro il  teatro. E dentro il teatro Donizetti.

Era bello e importante il teatro Donizetti. Lo è stato per generazioni di bergamaschi. Adesso lo è ancora di più. E funzionale. E adatto a chiunque, per tutto l’anno.

Sapete come l’abbiamo rivisto dopo tre stagioni di lavoro? Nel modo più ovvio, ma anche più impensabile: dal palco. Noi eravamo sul palco: a un tratto, davanti ai nostri occhi increduli, si è spalancata la gioia.

Non sto esagerando. E lo potrete scoprire da adesso in poi. Voi che amate il teatro o che lo amerete non appena lo incontrerete.

Incontrerete quel mondo magico. Quel mondo che è un gioco bellissimo: l’invenzione, la finzione. Come il gioco preferito dai bambini, quando s’inventano – che so – d’essere orfani, di trovarsi al freddo, in mezzo a una bufera di neve, di trasformarsi in Zorro… Il gioco che ti consente di scegliere chi vuoi essere.

Il teatro. Non un lavoro, anzi, il lavoro più bello del mondo. Annullato dalla pandemia. A Bergamo, soprattutto. Ammorbato, ma non distrutto. Adesso però pronto a rivitalizzarsi.

Prontissimo sì, come… il teatro Donizetti.

Provo a descrivervi la scena della riscoperta, della rinascita.

Noi siamo il palco

Il teatro è lì, davanti

Vediamo il loggione e i palchetti

Lo stupore

Quel soffitto decorato

I cristalli del lampadario abbassato (più tardi si alzerà e sarà un trionfo)

I lumini

Le luci si spengono

Nei palchetti rimessi a nuovo, con parquet e tappezzeria chic, spuntano loro, camicia bianca, calzoni scuri. Cantano.

“Cantiam, brindiam, festeggiamo i giorni del piacere”

Accompagnati dal maestro. Gianluigi Trovesi

Poi, la danza

Il volo

La leggiadria

Tutto bianco (e subito pensi a lei, la stella, Carla Fracci)

Ma all’improvviso un turbinìo

Il circo

L’allegria

Le urla

I botti

I fuochi d’artificio

I colori

Il tricolore

E lei, Lella Costa. Insieme a Shakespeare (chi se no?): ci dev’essere un tempo infinito per sognare.

È il teatro, bellezza.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI