Quantcast
Serata magica in Nazionale per Pessina: doppietta contro San Marino nel test pre-Europeo - BergamoNews
L'amichevole

Serata magica in Nazionale per Pessina: doppietta contro San Marino nel test pre-Europeo

Primi gol in Azzurro per il centrocampista dell'Atalanta: novanta minuti anche per Toloi, schierato a destra nella difesa a quattro dal ct Roberto Mancini.

Al netto di un avversario poco impegnativo, l’Italia di Roberto Mancini inizia con il piede giusto il suo percorso di avvicinamento agli Europei: e un’impronta decisiva l’ha stampata anche l’atalantino Matteo Pessina.

Contro San Marino finisce 7-0 e l’11 iniziale scelto dal ct è stato chiaramente un modo per testare chi, nella lista dei 26 convocati, ancora deve guadagnarsi il pass per la rassegna continentale che scatterà l’11 giugno prossimo.

Cragno e Meret si alternano tra i pali, Toloi gioca 90 minuti largo a destra nella difesa a quattro completata da Mancini, Gian Marco Ferrari e Biraghi. Cristante, Castrovilli e Pessina compongono il terzetto di centrocampo, Bernardeschi e Grifo giocano ai lati di Kean.

L’inizio è compassato e solo alla mezz’ora Bernardeschi, tra i più brillanti, sblocca il risultato: Ferrari fa 2-0 due minuti più tardi, prima che l’intervallo schiarisca le idee e rimandi in campo un’altra Italia.

Politano, subentrato a un opaco Kean, va subito a segno, poi sale in cattedra Pessina: il centrocampista nerazzurro, molto vivace, mette a segno il punto del 5-0 dopo che Belotti aveva calato il poker.

L’ex Verona è lucido nel fiondarsi sulla palla vagante respinta dal palo sulla conclusione di Castrovilli. Poi il 6-0 di Politano e di nuovo Pessina per il 7-0 finale: sinistro da posizione ravvicinata che passa sotto le gambe di Benedettini.

Una serata magica per il 32 nerazzurro, partito un po’ contratto e che si è sciolto pian piano: probabilmente si giocherà una maglia con i compagni di reparto della serata, ma forse è quello che garantisce più alternative a Mancini.

Un discorso che vale anche per Toloi, partito terzino destro e rimasto in campo per tutta la partita fino a chiudere da centrale: una duttilità che non può essere sottovalutata e che mette nelle mani del ct diverse possibilità di passare, anche a gara in corso, dalla difesa a quattro a quella a tre, come quella del Gasp che gli è valsa a convocazione in Azzurro.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI