Cus, la palestra dell'Università (ora centro vaccinale) pronta a riaprire agli studenti - BergamoNews
Dalmine

Cus, la palestra dell’Università (ora centro vaccinale) pronta a riaprire agli studenti

Il Centro Universitario Sportivo a giugno ripartirà con attività sportive e corsi, ma parte degli spazi rimarranno comunque riservati alle vaccinazioni: per questo motivo sono stati rimodulati e riprogrammati alcuni percorsi, per far sì che gli spazi dedicati alla somministrazione dei sieri anti-Covid e quelli riservati alla palestra restino ben separati

Sicurezza, attenzione e prudenza ma anche tanta voglia di ricominciare a fare sport: questo lo spirito del CUS Bergamo, il Centro Universitario Sportivo con sede a Dalmine, che a giugno ripartirà con attività sportive e corsi.

Martedì 1° giugno il CUS riaprirà la sala fitness secondo i consueti orari: fino al 30 giugno, dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 22.30, sabato dalle 9 alle 17, domenica dalle 9 alle 13; mentre a luglio e agosto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 21, sabato dalle 9 alle 13.

Un ritorno alla normalità seppur con alcune, momentanee, limitazioni: “Il Cus attualmente è centro vaccinale: come rappresenta per noi motivo di grande orgoglio essere in prima linea nella lotta al Covid-19, lo è anche favorire la ripresa delle normali attività, tra cui, appunto, quelle sportive – sottolinea il Rettore dell’Università degli studi di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini –. Parte degli spazi rimarranno comunque riservati alle vaccinazioni: per questo motivo sono stati rimodulati e riprogrammati alcuni percorsi, per far sì che gli spazi dedicati alla somministrazione dei sieri anti-Covid e quelli riservati alla palestra restino ben separati”.

“Siamo convinti che i nostri iscritti capiranno la situazione e porteranno pazienza fino alla normale ripresa delle attività – aggiunge Claudio Bertoletti, Presidente del CUS Bergamo – Abbiamo predisposto un nuovo planning di corsi nella nuova struttura all’esterno, adiacente alla sala fitness, che sostituirà i corsi precedenti. Il protocollo di contingentamento degli accessi e il rispetto delle regole per l’utilizzo degli attrezzi in sala fitness garantiranno la sicurezza del personale e degli sportivi. Misurazione della temperatura, utilizzo della mascherina fino all’accesso nello spazio di allenamento e durante i momenti di “riposo”, pulizia della postazione e degli attrezzi subito dopo l’utilizzo, distanziamento: queste sono alcune delle azioni necessarie per una ripartenza – sportiva – del CUS in totale sicurezza. Così come l’accesso alla palestra, anche l’ingresso nello spogliatoio sarà contingentato, mentre per il momento non è ancora consentito usufruire delle docce”.

A giugno saranno attivati due corsi alla mattina (dalle 9 alle 9.45 e dalle 10 alle 10.45) e due corsi alla sera (dalle 18:15 alle 19 e dalle 19:15 alle 20). I corsi all’aperto saranno sospesi in caso di pioggia. Sarà possibile accedere solo attraverso una prenotazione online, così da garantire il controllo degli accessi, creando un account personale sul sito: www.cusbergamo.it nella sezione SERVIZI ONLINE. Per prenotarsi è necessario essere in possesso di un certificato medico: per chi ne avesse bisogno è possibile prenotare una visita medica nella struttura del CUS.

In via del tutto eccezionale, anche gli iscritti con abbonamenti “Solo corsi” potranno usufruire dell’accesso alla sala fitness, considerata l’impossibilità di occupare gli spazi destinati al centro vaccinale.

Per accedere alla struttura, gli iscritti dovranno recarsi al cancello pedonale di via Kennedy 19/A.

Attualmente il parcheggio interno del CUS non è utilizzabile, perché occupato da una tensostruttura di accoglienza al centro vaccinale, così come l’ultimo tratto di via Kennedy.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it