Bassa

Bcc, la Caravaggio dice no alla fusione con Treviglio

Il consiglio di amministrazione della Bcc Caravaggio Adda e Cremasco nella seduta di venerdì 21 maggio ha deciso: un no unanime alla proposta di fusione espresso dai 12 consiglieri, compreso il presidente Giorgio Merigo.

Nessuna fusione tra la Bcc Caravaggio Adda e Cremasco e la Cassa rurale di Treviglio. Una fusione caldeggiata dalla capogruppo Iccrea che finisce in un nulla di fatto.

Il consiglio di amministrazione della Bcc Caravaggio Adda e Cremasco nella seduta di venerdì 21 maggio ha deciso: un no unanime alla proposta di fusione espresso dai 12 consiglieri, compreso il presidente Giorgio Merigo. A prevalere sulla continuità territoriale ed il mantenimento di tutte le filiali, sarebbero state le riserve sulla sostenibilità finanziaria e patrimoniale dell’operazione. La Bcc di Caravaggio, infatti, vanta solidi risultati di bilancio. Con i suoi 12 mila soci, 38 filiali sparse tra le province di Bergamo, Crema, Lodi e nel Milanese ha chiuso con un utile netto di 3,4 milioni e un indice patrimoniale Cet 1 salito al 19,19% dal 17,53 del 2019. A fermare l’operazione sarebbero stati anche i possibili risvolti sull’economia post Covid, l’incognita legata alla fine delle moratorie su prestiti e mutui e capacità di privati e aziende di far fronte agli impegni avrebbe raffreddato gli animi per la fusione.

Ora bisognerà attendere le prossime mosse della Cassa rurale di Treviglio in cerca di un partner.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI