Quantcast
"Abbiamo riso per una cosa seria": la campagna che sostiene i contadini contro la fame - BergamoNews
A san paolo d'argon

“Abbiamo riso per una cosa seria”: la campagna che sostiene i contadini contro la fame

L’emergenza Covid ha purtroppo estremizzato la situazione di povertà in cui vivono milioni di persone - sottolinea il presidente di Coldiretti Bergamo Alberto Brivio -, e quella che si sta registrando è una vera e propria “pandemia della fame”,

La campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Abbiamo riso per una cosa seria” a sostegno del lavoro dei contadini italiani e del resto del mondo e dell’agricoltura familiare, promossa da Focsiv – Volontari nel Mondo, insieme a Coldiretti e Campagna amica, arriva nella Bergamasca. Domenica 16 maggio, dalle 8 alle 13, al mercato di Campagna Amica a San Paolo d’Argon verrà allestita una postazione dove personale volontario offrirà pacchi di riso 100% italiano della Filiera degli agricoltori italiani, per una donazione minima di 5 euro.

L’emergenza Covid ha purtroppo estremizzato la situazione di povertà in cui vivono milioni di persone – sottolinea il presidente di Coldiretti Bergamo Alberto Brivio -, e quella che si sta registrando è una vera e propria “pandemia della fame”, cui dobbiamo rispondere con un grande sforzo di solidarietà. Di fronte a questa situazione è importante dare valore a chi produce il cibo, per questo tutti insieme dobbiamo essere uniti contro l’abbandono delle terre e il loro l’accaparramento da parte delle multinazionali e delle finanziarie, il caporalato e la schiavitù di chi sottopaga i prodotti agricoli e il lavoro nei campi. Il primo passo da compiere per il raggiungimento di questo obiettivo è quello di puntare sulla formazione delle comunità rurali”.

È stato scelto il riso come simbolo della campagna in quanto è l’alimento tra i più consumati al mondo, in particolare tra i più poveri.

La campagna è un grande movimento di contadini italiani e del resto del mondo insieme ai consumatori per difendere chi lavora la terra. Una filiera di persone consapevoli insieme per sostenere le comunità rurali, richiedere politiche adeguate, per la sicurezza alimentare e la salubrità dei cibi, per promuovere il valore dell’agricoltura familiare come risposta alla crisi globale, ai cambiamenti climatici, alle migrazioni ma è anche un atto di tutela della biodiversità, delle colture e delle culture dei diversi Paesi.

Tra i vari progetti che verranno finanziati con i fondi raccolti figurano anche quelli promossi da Celim e Amici del Brasile, due realtà che operano anche sul territorio bergamasco. Il progetto del Celim ha per tema “Giovani di strada: lavoro e sviluppo” e coinvolge il Centro di formazione Professionale di Koudougou della Congregazione dei Fratelli della Sacra Famiglia in Burkina Faso. Il centro è stato fondato per l’accoglienza di giovani senza fissa dimora e la formazione dei giovani di strada non scolarizzati e privi di alfabetizzazione. L’intervento mira a garantire una formazione professionale e un’integrazione socio-lavorativa per ragazzi e giovani attraverso processi professionalizzanti di inserimento lavorativo al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile.

Punta sull’educazione contestualizzata in otto comunità rurali in Brasile anche il progetto dell’associazione Amici del Brasile, che si propone di valorizzare nei bambini e adolescenti la conoscenza delle proprie radici e l’amore per la loro terra. L’obiettivo è quello di promuovere un metodo che, pur sostenendo il desiderio dei ragazzi di diventare cittadini del mondo, permetta di conservare il “contatto” con la propria realtà, recuperando e valorizzando conoscenze e prodotti tipici del loro territorio. Interessante è anche la collaborazione dell’Associazione con due comunità di agricoltori “Sem Terra” che, con il supporto dell’organizzazione governativa Conabi, le aiuta a trovare un mercato locale alla propria produzione.

“Per porre fine alla terribile piaga della fame nel mondo – conclude Brivio – è importante rivolgersi ai giovani e alle donne per contrastare l’abbandono delle terre e formare i contadini sulle tecniche e le pratiche di coltivazioni sostenibili, per tutelare la biodiversità e la qualità del cibo, promuovendo un’alimentazione sana e variegata per tutti”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI