Porta San Giacomo, si abbattono le barriere architettoniche: scivolo al posto della scala, cantiere al via - BergamoNews
Città alta

Porta San Giacomo, si abbattono le barriere architettoniche: scivolo al posto della scala, cantiere al via

Una rampa sarà percorribile da disabili e carrozzine. I lavori, del valore di 75mila euro, risolveranno un vecchio problema: la limitazione dell’accesso al centro storico alle persone in sedia a rotelle o alle mamme con figli nel passeggino

Sono ormai imminenti i lavori per l’abbattimento dell’ultima barriera architettonica dell’anello delle Mura di Bergamo: nei prossimi giorni inizierà infatti il cantiere per la sostituzione della scala – realizzata nel Novecento – che si trova a lato di Porta San Giacomo con una rampa che sarà percorribile da disabili e carrozzine.

In questo modo , l’intero anello delle Mura Veneziane sarà privo di barriere architettoniche entro il 2021: l’intervento di Porta San Giacomo è l’ultimo previsto dopo la realizzazione dello scivolo metallico all’interno di Porta Sant’Agostino.

Il cantiere, del valore di 75mila euro, risolverà un vecchio problema, cioè la limitazione dell’accesso al centro storico attraverso la Porta alle persone in sedia a rotelle o alle mamme con i figli nel passeggino. Tra un paio di mesi non saranno più costretti a transitare lungo la carreggiata per raggiungere le Mura, ma percorreranno un tragitto protetto, senza più i rischi derivanti dal traffico veicolare in un punto particolarmente delicato, visto che la strada, in quel punto, è di fatto una chicane con doppia curva a S.

L’intervento è stato approvato dalla Soprintendenza e dalla Commissione paesaggio: verrà mantenuta la delimitazione con i paracarri esistenti e ridisegnato un camminamento di larghezza variabile da 165 a 200 centimetri, in lastre di pietra arenaria, sostenuto da un muro di pietra di Credaro. Per realizzare, però, il percorso pedonale mantenendo la dimensione minima consentita è necessario prevedere l’eliminazione della scalinata destra in pietra.

«Io sono convinto che questa sia una grande opera per la nostra città, – sottolinea l’assessore ai lavori pubblici Marco Brembilla – ovvero garantire la piena fruibilità a tutti delle Mura di Bergamo, in piena attuazione delle linee guida di Unesco. Il riconoscimento di patrimonio Unesco, infatti, ha tra i suoi obiettivi anche la massima partecipazione della popolazione al bene iscritto, in particolar modo delle persone affette da disabilità motoria. Anche per questa ragione sono orgoglioso del progetto e di questo intervento, completamento di un piano che abbiamo avviato ormai due anni fa in diversi punti di Città Alta. Un’operazione significativa non soltanto per le persone disabili e per i genitori di bambini in carrozzina, ma anche di grande importanza simbolica».

Per consentire i lavori, sono previste alcune modifiche alla viabilità: sulla strada sarà necessario prevedere dei semafori provvisori lungo tutto il periodo di svolgimento del cantiere, mentre i pedoni potranno “scavalcare” il cantiere transitando da via San Lorenzino e via Simone Mayr. Rimarrà comunque possibile transitare dalla Porta San Giacomo.

 

Generico maggio 2021
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it