Buca pericolosa a San Giovanni Bianco, sfilza di auto ko: tra le "vittime" anche un sindaco - BergamoNews
La disavventura

Buca pericolosa a San Giovanni Bianco, sfilza di auto ko: tra le “vittime” anche un sindaco

In via Carlo Ceresa, nelle vicinanze della nuova rotonda. Gomme forate anche per il primo cittadino di Olmo al Brembo, Carmelo Goglio: "A occhio almeno una decina di mezzi fermi". Sul posto carabinieri e Anas

Una sfilza di auto finite k.o. nel giro di pochi minuti. Colpa di una grossa e profonda buca (quella che vedete in foto, ndr) all’ingresso del paese di San Giovanni Bianco, in via Carlo Ceresa, nelle vicinanze della nuova rotonda.

Tra le “vittime” anche il sindaco di Olmo al Brembo Carmelo Goglio, che intorno alle 18 di martedì era diretto all’assemblea della Comunità Montana Valle Brembana.

Sul posto sono dovuti intervenire i carabinieri di Zogno, per dare assistenza agli automobilisti rimasti in panne in attesa dell’arrivo dei carriattrezzi, e per deviare il traffico evitando ulteriori ripercussioni sulla viabilità. In un secondo tempo sono arrivati anche i tecnici dell’Anas per mettere una “toppa” al manto stradale compromesso.

In totale sono 6 le auto che hanno subito danni secondo il rapporto dei carabinieri, tra gomme saltate e danni ai cerchi. “Ma a occhio giurerei di averne contate almeno una decina – dice il sindaco -. Si vede che alcuni automobilisti non hanno fornito il nominativo perché erano troppo distanti e diluviava”. E i danni alla sua auto? “Anch’io ho forato le ruote – risponde sconsolato -. In giornata controllerò per bene i cerchioni…”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it