Al Santuario di Sombreno un doppio evento per celebrare il mese mariano - BergamoNews
Le due serate

Al Santuario di Sombreno un doppio evento per celebrare il mese mariano

Il primo dei due appuntamenti è in programma venerdì 14 con Giorgio Molteni e Alessandro Bianchi

Ripartono i grandi evento del Santuario di Sombreno, a Paladina, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid.

Il primo dei due appuntamenti con cui si vuole celebrare il mese mariano è in programma venerdì 14, quando alle 20.30 Giorgio Molteni e Alessandro Bianchi daranno il via ai due appuntamenti pensati per valorizzare l’organo di costruzione Serassi del 1737.

La seconda serata si svolgerà venerdì 28 maggio con il concerto di Rodolfo Bellatti ed Emanuele Frescia.

Per entrambe le occasioni il santuario sarà aperto al pubblico fino ad esaurimento posti. Prevista una navetta dalla parrocchiale di Sombreno.

I due spettacoli verranno anche trasmessi in diretta sulla pagina Facebook Amici del Santuario di Sombreno.

Il programma di venerdì 14 maggio

Antonio Vivaldi (1678-1741) – Sonata in re minore per violino e organo: Preludio, Corrente, Adagio, Giga.
Antonio Martini (1706-1784) – Toccata “per il Deo Gratias”;
Johann Sebastian Bach (1685-1750) – Preludio dalla Sonata, prima per cello solo violino solo;
Georg P.Telemann (1681-1767) – Sonata VI per violino e organo: Vivace, Cantabile, Presto;
Benedetto Marcello (1686-1739) – Ciaccona;
Niccolò Paganini (1782-1840) – Capriccio N° 24 violino solo;
da un manoscritto della biblioteca del Seminario di San Miniato-Pisa
Antonio Valenti (sec.XVIII-XIX) – Elevazione- Postcommunio;
Arcangelo Corelli (1653-1713) – Sonata III op. 5 per violino e organo: Adagio, Allegro, Adagio, Allegro, Giga.

Sombreno
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it