Si è spento all'ospedale di Bergamo il piccolo Gioele, travolto da un'auto a Merate - BergamoNews
Il dramma

Si è spento all’ospedale di Bergamo il piccolo Gioele, travolto da un’auto a Merate

I medici hanno tentato per cinque giorni di salvargli la vita. Meno gravi le condizioni della madre e della figlia

Non ce l’ha fatta il piccolo Gioele Petza, il bambino di 7 anni di Cernusco Lombardone (Lecco) che giovedì scorso a Merate è stato travolto da un’auto assieme alla mamma di 38 anni e alla sorella di 12.

Il piccolo era stato ricoverato in condizioni molto gravi all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove era stato trasferito con l’elisoccorso e dove i medici hanno tentato per cinque giorni di salvargli la vita. Meno gravi le condizioni della donna e della figlia.

La procura di Lecco ha aperto un’inchiesta (ora per omicidio stradale) e sono ancora in corso indagini per accertare l’esatta dinamica dell’incidente.

Sul posto le forze dell’ordine avevano trovato una Fiat Punto finita contro un marciapiede. L’autista, un pachistano di 37 anni residente a Carate Brianza, nel Monzese, aveva detto di essere stato urtato da un’altra macchina che poi si era allontanata. L’uomo è stato denunciato, in attesa del completamento dei rilievi e della consultazione delle immagini registrate dalle telecamere della zona.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it