Precipita in cantiere nel Varesotto, operaio bergamasco muore a 52 anni - BergamoNews
Sabato mattina

Precipita in cantiere nel Varesotto, operaio bergamasco muore a 52 anni

I colleghi lo hanno trovato a terra, in condizioni già molto gravi. Sul posto i carabinieri per cercare di ricostruire la dinamica dell’incidente

Un altro incidente mortale sul lavoro, con vittima un operaio bergamasco di 52 anni: Marco Oldrati. La tragedia si è consumata a Tradate (Varese) sabato mattina 8 maggio.

Come riporta Varesenews erano circa le 11. L’operaio, che stava lavorando all’interno del cantiere di un centro commerciale, avrebbe perso l’equilibrio precipitando nel vuoto. Inutili i soccorsi.

Sul posto sono arrivati ambulanza e auto medica e anche l’elisoccorso dell’ospedale Sant’Anna. Troppo gravi le ferite per l’operaio, precipitato da un’altezza di quattro metri, anche se non è ancora chiaro come sia avvenuto l’incidente. Il corpo del lavoratore è stato trovato in un’area del cantiere in cui non ci sono ponteggi e i colleghi lo hanno trovato a terra, in condizioni già molto gravi. Sul posto i carabinieri di Tradate per cercare di ricostruire la dinamica dell’incidente.

Un’altra tragedia, a pochissimi giorni di distanza da quella di Maurizio Gritti, l’imprenditore edile morto giovedì in un cantiere a Pagazzano. L’uomo è stato travolto da una lastra di cemento del peso di 600 chili che lo ha schiacciato contro una parete, provocandogli un’emorragia interna e un soffocamento. È spirato sotto gli occhi di un collega che cercava di aiutarlo in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

 

Più informazioni
leggi anche
  • Mercoledì 12 maggio
    Dopo i due morti in cantiere, sciopero e presidio dei lavoratori edili
    morto cantiere pagazzano
  • Piattaforma di proposte
    “Fermiamo la strage sul lavoro”: Cgil, Cisl e Uil per la sicurezza
    morto cantiere pagazzano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it