Tra e-commerce e pubblicità: quanto vale ogni singolo utente per Facebook? - BergamoNews
Social

Tra e-commerce e pubblicità: quanto vale ogni singolo utente per Facebook?

Grazie alla pubblicità mirata nei primi 3 mesi del 2021 il social ha incassato più di 48 dollari per utente

Quanto vale l’identità di ogni singolo utente per Facebook? Il sito Chartr.co, che si occupa di statistiche, in base agli ultimi dati della trimestrale del colosso dei social network diffusi pochi giorni fa ha cercato di dare una risposta, stabilendo che per il social più utilizzato al mondo ogni singolo utente vale 16 dollari al mese.

Facebook – che nel 2020 ha avuto 2.6 miliardi di utenti attivi al mese, circa 1,7 miliardi al giorno – ha dichiarato 26 miliardi di dollari di entrate solo nel primo trimestre del 2021. Grazie alla pubblicità mirata nei primi 3 mesi di quest’anno ha incassato più di 48 dollari per utente, cioè circa 16 dollari al mese (dati Stati Uniti e Canada).

Alla luce di queste elaborazioni, è ancora più chiara la contrarietà di Facebook nei confronti della nuova funzione privacy messa in campo da pochi giorni da Apple, che dà la possibilità agli utenti di limitare il tracciamento dei dati che le app possono condividere proprio ai fini della pubblicità mirata.

Zuckerberg, spiega il sito il sito Chartr.co sta cercando di affrontare il cambiamento in particolare puntando sull’e-commerce. E i numeri ci sono: secondo il sito specializzato Engadget, il Marketplace di Facebook – lo spazio del social network in cui gli utenti comprano e vendono oggetti o altro tra di loro – ha 1 miliardo di utenti e ci sono più di un milione di negozi, con più di 250 milioni di utenti che interagiscono ogni mese con questi negozi.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it