Centro Oculistico Bergamasco: “Al servizio dei pazienti con i nostri specialisti” - BergamoNews
Partner friends!

Centro Oculistico Bergamasco: “Al servizio dei pazienti con i nostri specialisti”

L’attività di questa struttura, a cui si rivolgono anche pazienti da fuori provincia, è coordinata dal direttore sanitario, il dottor Fabio Mazzolani, medico chirurgo, specialista in oftalmologia

Prendersi cura dei propri occhi è fondamentale. Chi ha problemi visivi, purtroppo, lo sa bene: sono organi di senso particolarmente importanti perché ci permettono di percepire gli stimoli del mondo circostante distinguendo forme, rilievi, distanze e colori di tutto ciò che incontriamo.

Il Centro Oculistico Bergamasco, a Bergamo in via Francesco Coghetti 3, rappresenta un punto di riferimento per la cura e la gestione dei problemi della vista, ma anche per la prevenzione, che costituisce un elemento strategico essenziale per poter affrontare o scongiurare molte patologie. L’attività di questa struttura, a cui si rivolgono anche pazienti da fuori provincia, è coordinata dal direttore sanitario, il dottor Fabio Mazzolani, medico chirurgo, specialista in oftalmologia, che si dedica in modo particolare alle patologie oculari del segmento posteriore (retina e nervo ottico) e del segmento anteriore (cheratocono e contattologia). “Il Centro Oculistico Bergamasco è stato fondato nel 1982 dal professor Camillo Paganoni, oculista di rilievo internazionale che volle idealmente offrire questa struttura alla sua città natale, dove svolse la professione per tutta la sua vita. Ancora adesso stiamo portando avanti le sue brillanti intuizioni, i valori, i principi e i presupposti deontologici, etici e clinici che lo hanno sempre guidato e che si traducono nella centralità del paziente, l’elemento fondante del nostro lavoro. Ispirandoci a lui poniamo la persona al centro del nostro operato e dei nostri obiettivi considerando che il compito, il piacere e il dovere di noi medici è aiutare gli altri a risolvere i loro problemi. Per questo abbiniamo una dotazione tecnologica e strumentale all’avanguardia a un costante e continuo aggiornamento professionale nell’ottica di offrire serenità e sicurezza a chi si rivolge a noi. Poter contare su una sede come la nostra, in questo momento storico, risulta particolarmente utile perché risponde ai requisiti che tutti stanno cercando: ne stiamo apprezzando soprattutto l’ampiezza, che permette di accogliere un buon numero di pazienti garantendo le giuste accortezze anti-Covid. Riusciamo a farlo grazie all’organizzazione del lavoro che abbiamo applicato sin dagli inizi della pandemia: il modo in cui abbiamo gestito l’emergenza ci ha consentito di rimanere sempre operativi ed è stato molto apprezzato dei pazienti. Per garantire la maggior sicurezza, inoltre, i nostri medici hanno cominciato a sottoporsi alle vaccinazioni anti-Coronavirus e il personale sanitario che lavora nella nostra struttura lo riceverà a breve”.

Centro Oculistico Bergamasco

“Uno dei momenti più toccanti della nostra storia– aggiunge il direttore sanitario del Centro Oculistico Bergamasco – è stato lo svolgimento dei nostri servizi durante la prima ondata della pandemia, nel marzo 2020. Siamo rimasti aperti e abbiamo avuto l’occasione non solo di vivere direttamente la violenza e la tragedia dell’epidemia ma soprattutto di poter essere d’aiuto alle strutture ospedaliere che in quel periodo erano eroicamente impegnate in prima linea contro il virus. Da un lato abbiamo sgravato la pressione sugli ospedali e dall’altro i nostri pazienti hanno potuto effettuare le visite di cui avevano bisogno: sono stati mesi tragici ma ci hanno fatto provare una grande unione con la città di Bergamo e sono stati la dimostrazione dell’importanza di non arrrendersi a quanto di brutto possa accadere. Tengo molto a ringraziare per la disponibilità e la dedizione il personale, il nostro direttore amministrativo – il dottor Fumagalli – e la famiglia Paganoni che ci ha sempre sostentato”.

Al Centro lavorano specialisti dell’assistenza oftalmologica a 360*. Il dottor Mazzolani evidenzia: “Nella nostra equipe ci sono professionisti esperti di molte patologie oculari: quando il paziente si reca da noi effettuiamo una visita oculistica di base, che costituisce una preziosa occasione di conoscenza reciproca tra il medico e la persona, ma è anche la base di partenza di tutti i processi diagnostici e terapeutici. Dopo questo primo step, a seconda delle necessità, eseguiamo gli eventuali approfondimenti diagnostici avvalendoci di apparecchiature innovative frutto degli investimenti della proprietà. Più precisamente abbiamo unità dedicate alla diagnostica retinica con trattamenti laser di ultima generazione, al glaucoma, all’oftalmologia pediatrica e alla chirurgia palpebrale. Appena il medico intuisce il bisogno di effettuare ulteriori accertamenti, indirizza il paziente al collega più incline ad affrontare una determinata patologia fra gli esperti della nostra struttura e, qualora ci fossero personalità esterne ancor più adatte provvediamo a indicargliele perché la nostra priorità è il vantaggio del paziente. Per questo abbiamo adottato come nostra filosofia la collaborazione con le strutture non solo ospedaliere ma più in generale cliniche sul territorio”.

“Per fornire tutte le indicazioni e concludere il percorso diagnostico e terapeutico – aggiunge il dottor Mazzolani – abbiamo sviluppato una rete di collaborazione e sinergia con gli ottici, gli optometristi e gli ortottisti. In questo modo possiamo offrire un servizio completo e accompagnare le persone che si rivolgono a noi in tutte le fasi”.

Infine, guardando al prossimo futuro, il dottor Mazzolani conclude: “Stiamo lavorando a un obiettivo ambizioso ma particolarmente importante: dotare il Centro di una sala operatoria, considerando che l’unico ambito in cui non abbiamo ancora espressione è quello chirurgico. Al momento siamo attrezzati per dedicarci alla chirurgia palbebrale e i vizi di refrazione con il laser (miopia, ipermetropia e astigmatismo), ma vorremmo ampliare le nostre possibilità d’intervento. Penso, in primis, alla cataratta ma anche a tutte quelle patologie dettate dall’evoluzione dei tempi, della società e dei sistemai sanitari nazionali o privati”.

Per avere ulteriori informazioni consultare il sito www.coberg.it, telefonare al numero 0352650551 oppure inviare un’e-mail a info@coberg.it

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it