Scanzorosciate piange Andrea, stroncato a 34 anni da un brutto male - BergamoNews
Il dramma

Scanzorosciate piange Andrea, stroncato a 34 anni da un brutto male

Una malattia che gli era stato diagnosticata lo scorso dicembre e che in pochi mesi l'ha strappato all'affetto dei suoi cari. Aveva lavorato come barman anche al Bobadilla

Dopo Nicola Rebussi, il 22enne travolto da una valanga sui monti di Lizzola e morto lo scorso 24 marzo, Scanzorosciate deve fare i conti con un’altra giovane vita spezzata.

Lunedì il paese dell’hinterland ha dato l’ultimo saluto ad Andrea Longhi, stroncato a soli 34 anni da un male incurabile.

Una malattia che gli era stato diagnosticata lo scorso dicembre e che in pochi mesi l’ha strappato all’affetto dei suoi cari, con i quali era cresciuto nella frazione di Tribulina.

Da alcuni anni si era trasferito a Seriate e aveva lavorato prima come barman in alcuni locali della provincia, tra cui il Bobadilla, poi all’Esselunga dove sognava di diventare un dirigente.

I motori e la musica, oltre al suo amato cane immortalato con lui in foto, erano le sua gradi passioni.

Il ragazzo è stato salutato anche dal sindaco di Scanzo, Davide Casati, che dopo aver partecipato al funerale e aver abbracciato la sua famiglia, gli ha dedicato un post sui suoi canali social:

Un altro giovane di Scanzorosciate che ci lascia …. caro Andrea, Scanzorosciate ti abbraccia lassù nel cielo e abbraccia la tua famiglia…! RIP

Pubblicato da Davide Casati Sindaco su Lunedì 3 maggio 2021

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it