Valgoglio secondo comune in Lombardia per numero di persone vaccinate - BergamoNews
La classifica

Valgoglio secondo comune in Lombardia per numero di persone vaccinate

È quanto emerge dal database interattivo di Regione Lombardia — aggiornato alle 23 del 29 aprile — attraverso il quale si può avere un’idea della diversa velocità alla quale procede l’immunizzazione territoriale

Valgoglio è il secondo comune in Lombardia per numero di persone che hanno ricevuto almeno la prima dose di vaccino anti-Covid. È quanto emerge dal database interattivo di Regione Lombardia — aggiornato alle 23 del 29 aprile — attraverso il quale si può avere un’idea della diversa velocità alla quale procede l’immunizzazione territoriale.

In testa alla classifica c’è Viggiù, in provincia di Varese: fino a due giorni fa il 69,27% della popolazione ha ricevuto almeno una dose: 3.230 residenti su  4.663. Segue come detto Valgoglio, in alta Val Seriana, con il 61,44% dei residenti che ha ricevuto almeno una dose di vaccino. Al terzo posto Mede (Pavia) con il 55,32%.

In fondo alla classifica lombarda compare Galliavola (Pavia) che chiude l’elenco dei comuni con appena il 9,77% di abitanti a cui è stata inoculata almeno una dose di vaccino: 17 persone in tutto, su 174. La nota località turistica Livigno (Sondrio) risulta finora penultima con l’11,75% (615 individui su 5.236). Terzultima è Rocca de’ Giorgi (Pavia) con il 12,07% (appena 7 soggetti su 58).

A livello provinciale è Cremona che guida la classifica regionale delle immunizzazioni con il 31,61%. Seguono la provincia di Lecco (28,61%), quella di Pavia (28,26%) e quella di Bergamo (28,01%). Milano vede un quarto della popolazione con almeno una dose (Milano città è al 25,25% con 305.752 prime dosi su una popolazione target di 1.210.784). La provincia con la media più bassa finora è quella di Monza e Brianza con il 24,07%

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it