Tamponi "lecca lecca", più economici e facili da fare: "Presto nelle scuole bergamasche" - BergamoNews
La novità

Tamponi “lecca lecca”, più economici e facili da fare: “Presto nelle scuole bergamasche”

Ivano Lombardi della Technogenetics: "Sono molto attendibili e meno invasivi di quelli classici"

Potrebbero arrivare presto anche nelle scuole bergamasche i nuovi tamponi salivari cosiddetti “lecca lecca”. Lo annuncia Ivano Lombardi della Technogenetics: “Abbiamo già avuto colloqui a Treviglio, settimana prossima saremo a Seriate e a Bergamo. Non escludo che presto potremo chiudere gli accordi”.

Cosa sono e come funzionano? La forma è simile a quella di un lecca lecca con una spugna alla fine, inserito in una provetta sterile: lo si tiene in bocca per un minuto, lo si infila nel tubo e si consegna così com’è ai laboratori che normalmente processano tamponi, per avere in breve tempo un responso sulla positività o meno al Covid. Può essere usato anche dai bambini molto piccoli e dai più fragili o con disabilità.

Ma sono attendibili? “Molto, forse anche più di quelli classici – spiega Lombardi – . Logicamente, come per gli atri, a chi viene riscontrata la positività deve essere sottoposto a ulteriori accertamenti per sgomberare il campo da ogni dubbio”.

“E hanno un doppio vantaggio – aggiunge – sono molto più economici di quelli naso-faringei visto costano circa un terzo e non necessitano della presenza di un operatore ma possono essere svolti in modo autonomo, a parte l’esame di laboratorio per la verifica della positività ovviamente”.

“Siamo già stati in Bergamasca – conclude Lombardi – dove credo saranno introdotti presto nelle scuole. L’ideale sarebbe svolgerli un paio di volte alla settimana su studenti e personale in modo da evitare la diffusione di un passibile contagio di uno di loro”.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it