Quantcast
Recovery Plan: opportunità anche per l'agricoltura - BergamoNews
A cura di

Confai Bergamo

Confai

Recovery Plan: opportunità anche per l’agricoltura

Bolis (Confai): "Un evento emblematico per cercare di compattare le forze vive del nostro paese intorno alle sfide che veramente contano"

“L’approvazione in Parlamento del Recovery Plan italiano è un evento emblematico per cercare di compattare le forze vive del nostro paese intorno alle sfide che veramente contano. L’auspicio è che anche per il settore agricolo e agroalimentare rappresenti un punto di svolta in vista di una più solida alleanza tra imprese e istituzioni”: cosí si è espresso Leonardo Bolis, presidente di Confai Bergamo e Confai Lombardia, manifestando le aspettative della propria base associativa in questa tappa cruciale per la ripresa dell’economia e del lavoro.

L’associazione, che riunisce imprenditori agricoli e agromeccanici nella stessa compagine organizzativa, confida che il grande appuntamento della transizione agro-ecologica possa far convergere sensibilità diverse sull’obiettivo di dar vita ad un’agricoltura fortemente innovativa. “Contratti di filiera, distretti per le energie rinnovabili, espansione dei sistemi irrigui e potenziamento delle risorse logistiche – aggiunge Bolis – sono solo alcune delle voci del Piano nazionale di rilancio e resilienza dove il mondo agricolo potrebbe cogliere l’opportunità di attuare grandi progetti condivisi”.

A questo proposito Confai ribadisce la necessità di investire lungo alcune linee strategiche, a partire dalla meccanizzazione agraria e dall’agricoltura sostenibile. “Tecnologia e cura dei suoli – fa notare il direttore di Confai Bergamo, Enzo Cattaneo – costituiscono un binomio imprescindibile per un vero progresso in agricoltura. In quest’ottica il comparto agromeccanico attende un doveroso riconoscimento da parte delle istituzioni nazionali per poter dispiegare pienamente un ruolo di primo piano, in linea con le esigenze di un settore primario proiettato sui mercati internazionali”.

 

La foto è di Andreas Gücklhorn (Unsplash)

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI