Famiglia con bimba di 4 anni intossicata dal monossido a Calcio: salvati con l'ossigeno terapia - BergamoNews
Bassa

Famiglia con bimba di 4 anni intossicata dal monossido a Calcio: salvati con l’ossigeno terapia

In ospedale anche la madre 30enne e il padre 34enne della piccola

Quando hanno chiesto aiuto, allertando i soccorsi, i sintomi sono sembrati chiari: mal di testa, nausea e capogiri. Gli uomini del 118 hanno subito capito che si trattava di un’intossicazione da monossido di carbonio.

Brutta disavventura per una famiglia di tre persone residente a Calcio. Un uomo di 34 anni, la compagna di 30 e la figlia di 4 anni sono stati soccorsi nella notte tra mercoledì 28 e giovedì 29 aprile, intorno all’una e mezza di notte, in via Olofredi, nel paese della Bassa.

La causa dell’intossicazione pare sia da attribuire alla presenza di un braciere ubicato all’ingresso dell’abitazione. Sul posto due ambulanze, un’automedica, i carabinieri e i vigili del fuoco.

Una volta giunti i soccorsi i pazienti sono stati trasportati al Papa Giovanni di Bergamo e al Policlinico San Marco di Zingonia. Tutti e tre sono poi stati trasferiti in Habilita, intorno 5.30. Il trattamento in camera iperbarica ha avuto inizio alle 5.45 per concludersi alle 7.30.

I pazienti sono quindi stati trasportati nuovamente negli ospedali di provenienza. Ora sono fuori pericolo.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it