Quantcast
Malpensata, il Despar chiude: in aiuto un nuovo mercato di generi alimentari - BergamoNews
Bergamo

Malpensata, il Despar chiude: in aiuto un nuovo mercato di generi alimentari

Il mercato nasce su iniziativa di Don Claudio del Monte, parroco del quartiere, in collaborazione con l'amministrazione comunale per far fronte alla chiusura dell'unico supermercato di quartiere

Da martedì 27 aprile, nelle ore pomeridiane, sarà attivo nel quartiere della Malpensata un nuovo mercatino dove i cittadini potranno trovare alcuni rivenditori ambulanti di alimenti e casalinghi.

Il mercato nasce su iniziativa di Don Claudio del Monte, parroco del quartiere, in collaborazione con l’amministrazione comunale. E si troverà in via San Giovanni Bosco, nella stessa area del mercato di prodotti agricoli dell’associazione Slow Food Bergamo, diventato permanente nel mese di gennaio ogni mercoledì mattina.

L’esigenza nasce dalla chiusura del supermercato Despar, l’unico punto vendita di alimentari nel quartiere, per la cui acquisizione si è fatto avanti il Conad. 

“La popolazione attende con apprensione la riapertura del supermercato poiché il disagio arrecato dall’assenza del servizio è notevole, soprattutto per la popolazione anziana – dichiara la consigliera comunale del Pd Oriana Ruzzini – Le persone sole, anziane, non automunite non possono più occuparsi della propria spesa personalmente e sono costrette a delegare volontari e conoscenti. Oppure affrontano pericolosamente tragitti in pullman con carrellini carichi di cibo. Dover prendere l’autobus per acquistare una confezione di pasta o di detersivo è inaccettabile, per questo è doveroso sollecitare chi ha potere decisionale a concretizzare soluzioni a tutela dei lavoratori ma anche della popolazione più fragile del quartiere”.

Il nuovo mercatino garantirà, quindi, un’ulteriore provvisoria copertura fino alla riapertura del supermercato, “ma la popolazione di Malpensata – conclude Ruzzini – che conta oltre cinquemila persone, ha bisogno di un punto vendita efficiente per soddisfare i bisogni essenziali della quotidianità”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI