Nelle scuole 135 positivi su 1.542 tamponi, elementari e medie chiuse a Costa Volpino e Bolgare - BergamoNews
Il punto

Nelle scuole 135 positivi su 1.542 tamponi, elementari e medie chiuse a Costa Volpino e Bolgare

I dati comunicati da Ats Bergamo, relativi alla settimana che va dal 20 al 26 aprile: quarantena per 160 classi

Gli ultimi esempi a Costa Volpino e Bolgare. “A seguito delle comunicazioni da parte di Ats e considerato il numero di classi in quarantena – spiega l’amministrazione comunale di Costa Volpino – comunichiamo con rammarico la sospensione dell’attività didattica in presenza per alunni e insegnanti, con attivazione della D.A.D. al 100% della scuola primaria della frazione di Piano e della Scuola Secondaria di Primo Grado ‘Fratelli d’Italia’”.

L’ordinanza è in vigore per un periodo di quattordici giorni, dal 28 aprile all’11 maggio. Le lezioni in presenza, salvo diverse comunicazioni, riprenderanno mercoledì 12. Stessa scelta presa per la scuola primaria di Bolgare, dove dal 28 aprile al 10 maggio si torna a distanza a causa dell’aumento dei contagi, come si legge nell’ordinanza firmata dal sindaco Luciano Redolfi.

Nel frattempo, Ats Bergamo ha fatto il punto della situazione nelle scuole della provincia, comunicando i dati relativi alla settimana che va dal 20 al 26 aprile (quindi a scuole ancora non tutte aperte in presenza al 75%). Il numero di tamponi effettuati è pari a 1.542, mentre il numero di positivi è 135. Le classi in quarantena sono invece 160.

La settimana precedente erano stati effettuati 799 tamponi, 94 dei quali positivi: elemento che aveva portato le autorità sanitarie locali a disporre la quarantena per 72 classi. Da inizio anno scolastico, sono in totale 52.385 i test effettuati su studenti e personale.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it